Cerca

Coppa Italia

Milan, una catastrofe sfiorata: col Crotone passa solo ai supplementari

Milan, una catastrofe sfiorata: col Crotone passa solo ai supplementari

«Catastrofe» sfiorata, per dirla alla Mihajlovic. Il sostegno dei 6mila tifosi del Crotone giunti a San Siro non è stato sufficiente per l’impresa della squadra calabrese che esce a testa altissima dalla Coppa Italia dopo aver fatto tremare il Milan. Non sono bastati infatti i 90’ ai rossoneri: il 3-1 finale per il Diavolo arriva nei supplementari grazie ad un gol su punizione di Bonaventura e al sigillo di Niang. Nel tempo regolamentare avevano segnato Luiz Adriano e Budimir.

Il Milan gioca con la “versione riserve” mandata in campo da Mihajlovic e il Crotone ne approfitta dimostrando di meritare il secondo posto in B. I calabresi ricalcano i movimenti del 3-4-3 del Genoa di Gasperini e mettono in difficoltà il Milan. Nell’intervallo Mihajlovic allerta i suoi che recepiscono il messaggio e passano in vantaggio con la fiammata di Luiz Adriano al 2’ della ripresa.

Il Crotone però reagisce e agguanta il pareggio con Budimir che lascia sul posto Zapata e beffa Abbiati. L’autore del gol poi si divora due occasioni per l’epopea calabrese. Si va dunque ai supplementari, dove è necessaria la perfetta punizione del subentrato Bonaventura per salvare il Milan, prima del gol di Niang che chiude i conti. I rossoneri accedono agli ottavi di finale dove ad attenderli c’è la Sampdoria di Montella. Si giocherà a Marassi in gara secca. Rimane il mistero sul regolamento imposto dalla Coppa Italia in “versione inglese” a metà: si gioca in casa delle grandi, il contrario di quello che succede oltremanica, chissà perché, visto che sui 10mila presenti a San Siro più di metà erano tifosi del Crotone.

Nelle altre due sfide di giornata vige il “fattore campo”. Vincono infatti Torino e Spezia rispettivamente contro Cesena e Salernitana, qualificandosi così per gli ottavi di finale in programma il 16 dicembre. I granata se la vedranno con i cugini della Juventus allo Stadium, per quello che sarà un atteso derby della Mole, mentre i liguri sono attesi da una sfida proibitiva contro la Roma all’Olimpico.

Domani in programma le altre partite del quarto turno (diretta Rai Sport 1): Palermo-Alessandria (alle 15), Verona-Pavia (18) e in serata Udinese-Atalanta (21). Ad attendere le vincenti dei tre match sono rispettivamente Genoa, Napoli e Lazio. (CLA.SAV.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog