Cerca

La polemica

Pd, Anzaldi scrive alla Tarantola: "Basta imitare la Boschi in tv"

Maria Elena Boschi

L'imitazione del ministro Maria Elena Boschi mandata in onda durante l'ultima puntata di Ballarò e firmata da Virginia Raffaele fa ancora discutere. Dopo le polemiche e le proteste delle deputate del Pd che avevano attaccato Enrico Lucci per le sue battute alla Boschi e alla Madia durante il loro giuramento da ministro, ora arrivano le bordate per Floris da parte dello stesso Pd.

La lettera del Pd alla Rai - E le proteste del Nazareno bussano direttamente alle porte dei vertici della Rai con una lettera di Michele Anzaldi, deputato dem e segretario della commissione di Vigilanza Rai, che con una missiva alla presidente Anna Maria Tarantola chiede conto dell'imitazione della Boschi, a suo dire "lesiva dell'immagine del ministro e delle donne": “Gentile Presidente, mi permetto di chiederLe se condivide l’imitazione di Maria Elena Boschi a Ballarò e se ritiene opportuno che un ministro giovane, che finora ha dimostrato preparazione e capacità, sia ritratta come una scaltra ammaliatrice che conta solo sul suo essere affascinante. E’ questa l’immagine che il servizio pubblico della Rai, e Raitre in particolare, vuole dare alla vigilia dell’8 marzo?”, scrive Anzaldi.

"Una colpa essere affascinante" - Poi il dem entra nel dettaglio e spara su Ballarò: “Da alcuni giorni il sito della Rai – scrive Anzaldi – seguito da altri portali di informazione, rilancia l’imitazione che Virginia Raffaele ha fatto del ministro Maria Elena Boschi a Ballarò. La titolare dei Rapporti con il parlamento viene ritratta come una ragazza molto attraente, in grado di stordire l’interlocutore per la sua avvenenza fisica e non per quello che dice. Normalmente la satira, secondo la definizione fatta propria anche dalla Cassazione, punta a ‘castigare ridendo mores’, ovvero a mettere in risalto in maniera comica caratteristiche esecrabili e discutibili di un personaggio pubblico. In questo caso la colpa del ministro sarebbe quella di essere affascinante?".

Bordate alla Raffaele - Poi Anzaldi punge la Raffaele: “La stessa imitatrice, in alcune interviste – prosegue ancora la lettera del deputato Pd alla presidente Rai – dice di aver voluto rappresentare il ministro Boschi come una ragazza ‘preparata e bella’. Il risultato, però, per usare le parole della Raffaele, è di una ‘ammaliatrice’ che ripete a memoria i soliti pochi concetti e, in caso di difficoltà, si serve della sua fisicità per convincere l’interlocutore. Si fatica a capire da quali elementi si sia arrivati a trasformare il ministro in una specie di sirena incantatrice, che utilizza i simboli dello Stato nella loro più alta espressione visiva (la bandiera, l’ufficio in parlamento) per sedurre gli interlocutori e fare il ‘gioco delle tre carte’ come un qualsiasi truffatore".

L'appello - Infine Anzaldi fa un appello alla Tarantola: "Proprio alcuni giorni fa, in un intervento pubblico, Lei, gentile Presidente, ha detto: ‘Abbiamo un governo con metà ministre donne, è una cosa molto buona di cui siamo contente ma osserviamo che i commenti del giorno dopo erano sui curriculum per gli uomini, sulla mise per le donne’. Non crede che anche la Rai, nel proporre un’imitazione del genere, abbia ceduto alla stessa deformazione?”. Insomma ormai il Pd non accetta nemmeno più la satira. Guai a toccare la Boschi. Ma quando la Raffaele imitava Francesca Pascale nessuno tra i dem ha osato scomodare i vertici Rai. Proprio come quando le grottesche battute di Enrico Lucci bersagliavano Mara Carfagna e Daniela Santanché: nessuno si era scandalizzato. Ma se critichi la sinistra, la contraerea entra subito in azione...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • PIEROSANSICA

    08 Marzo 2014 - 15:03

    la boschi la può TOCCARE solo renzi....... vergogna In tutto questo articolo risalta una domanda , ma perchè quando si attaccava con la satira la Carfagna, la Santanche o addirittura la Pascale , queste miserabili e piagnucolose permalose persone GODEVANO ????' E' vero a zappare le dovrebbero mandare , a lavorare sul serio VERGOGNA Ps tanto lo so che non lo pubblicherete.

    Report

    Rispondi

    • valente-maurizio

      10 Marzo 2014 - 19:07

      Sono pienamente d'accordo su quello che tu dici Piero, la satira nei confronti dei politici c'è sempre stata, da Andreotti, Spadolini,Berlusconi, i quali ci ridevano sopra e apprezzavano anche le caricature e vignette di Forattini.

      Report

      Rispondi

  • sig.nessuno

    08 Marzo 2014 - 13:01

    Basta imitare la Boschi? E poi parlano della democrazia dei grillini... Probabilmente l'imitazione è talmente realistica che devono ricorrere a temi come il sessismo per riuscire a farsi sentire. Cmq ormai è ben noto che il PD è composto da incapaci, incompetenti e perdenti. Possono tuonare quanto vogliono, non hanno alcun tipo di credibilità nè carisma per sostenere i loro piagnistei insulsi.

    Report

    Rispondi

  • sordo

    08 Marzo 2014 - 11:11

    Basta sedersi in riva al fiume ed attendere.Oggi,le stesse menti deviate de sinistra,gridano al lupo,alla lesa maestà,alla lesa immagine delle donne,ma quando le stesse identiche cose le si faceva alla Carfagna o alla Gelmini o ad altre "donne" del centro destra nessuno di questi difensori mai si alzò per prenderne le difese. Due pesi due misure.La Boschi come dice Lucci è solo na bella fica.

    Report

    Rispondi

  • alkhuwarizmi

    08 Marzo 2014 - 11:11

    Ma quanto sono suscettibili le sinistrorse del PD! Hanno preso troppo sul serio la battuta che la cosiddetta rete impazzisce per la Boschi. Bella, sì, ma non a tal punto da trasformarla in una sorta di Venere intoccabile...Non è certo l'unica a potersi vantare di questa dote di natura. Piuttosto, ci si dovrebbe chiedere quali virtù nascoste possieda da poter ricoprire la carica di Ministro.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog