Cerca

L'intervista

"Leggete i suoi testi con me,
Rino Gaetano era un massone:
fatto fuori perché parlava"

L'autore dell'inchiesta sulla morte del cantante ci illustra i presunti messaggi cifrati del cantautore: "Sapeva tutto sul caso Lockheed e sul delitto Montesi"

Rino Gaetano

Rino Gaetano

"Rino Gaetano era vicino agli ambienti massonici, se non massone in prima persona. Dai suoi amici confratelli veniva a conoscenza della verità su alcuni misteri della storia italiana del '900, che poi inseriva nei testi delle sue canzoni dietro le mentite spoglie dell'umorismo o del non sense. Per questo è stato ucciso. Aveva raccontato troppe cose, pestando i calli a qualcuno negli Stati Uniti". Bruno Mautone, avvocato ed ex sindaco di Agropoli (Salerno), ha studiato per tre anni i testi delle canzoni di Rino Gaetano. Ha analizzato le parole e colto dei collegamenti, fino a disegnare uno scenario inedito: il cantautore calabrese, morto in un incidente stradale nel 1981 all'età di 30 anni, è stato vittima di un complotto. "Nel mio libro (Rino Gaetano: La tragica scomparsa di un eroe) metto in evidenza dati che mi sembrano oggettivi - spiega -. Poi le conclusioni possono essere condivisibili o meno, ma i fatti restano". Mautone fa riferimento ad Anna Gaetano, la sorella di Rino, che sul nostro sito aveva definito "sogni" le sue tesi. "Questo non lo posso accettare", replica Mautone.

Come è arrivato alla conclusione che Rino Gaetano sarebbe stato un massone?
Le sue canzoni sono piene di riferimenti alla cultura e al simbolismo massonico. In Fiorivi, sfiorivano le viole cita il marchese La Fayette che ritorna dall'America importando la Rivoluzione e un cappello nuovo, Mameli che scrive una canzone tutt'ora in voga, e poi ancora Otto von Bismarck-Shonhausen.

E allora?

Allora parla di tre personaggi chiave della massoneria europea del diciottesimo e diciannovesimo secolo in una canzone d'amore. La rivoluzione importata da Lafayette era quella americana, cioè quella massonica per eccellenza. La canzone tutt'ora in voga di Mameli è l'inno nazionale, Fratelli d'Italia, quando è noto che i massoni sono soliti chiamarsi tra di loro fratelli.

Basta a dire che Gaetano aderisse a una loggia?

No, ma suoi amici strettissimi, che ho intervistato durante il lavoro di ricerca, mi hanno confermato il suo interesse per la materia. Leggeva molti libri sulla massoneria e sui suoi personaggi di spicco. E dirò di più: dai titoli dei dischi del cantautore si capisce anche il suo percorso di vicinanza prima, e allontanamento poi, dalla massoneria.

Cioè?

Nel 1973 Gaetano pubblica I love you Marianna. La Marianna è il simbolo della rivoluzione francese, che è una rivoluzione massonica. Nel 1974 tocca a Ingresso Libero, intendendo l'apertura delle logge alle nuove affiliazioni. Poi Gaetano rompe con gli ambienti massonici e nel 1976 incide Mio fratello è figlio unico, dove l'immagine paradossale rappresenta l'isolamento nella loggia.

E così Rino avrebbe avuto agganci nella massoneria.

Esatto. Anna Gaetano sostiene che il fratello fosse una persona preparata, che leggeva i giornali e arrivava a certe intuizioni grazie alla sua preveggenza. Non è così. Lui poteva anticipare le cose perché le conosceva.

Quanti riferimenti a casi occulti ha contato nella discografia di Rino Gaetano?

A centinaia. Ce ne sono di grossi. In Berta filava, una canzone del '75-'76, spiega lo scandalo Lockheed (un caso di corruzione affinché l'aeronautica italiana adottasse veivoli della casa americana, ndr). Berta sarebbe Robert Gross, detto Bert, presidente della Lockheed. Rino cantava: "Berta filava con Mario e con Gino", che sarebbero Mario Tanassi e Gino Gui, due ex ministri della Difesa coinvolti nell'inchiesta. Ma dal rapporto, prosegue la canzone, nasce un bambino che non era di Mario e non era di Gino. Cioè Rino sottintendeva che la responsabilità non fosse di Gui e Tavassi, esattamente come si è scoperto dopo. I due ministri erano dei capri espiatorii messi lì per coprire responsabilità più alte. Ma non è il solo esempio.

Ne faccia un altro.

In Nun te reggae più Rino Gaetano cita la spiaggia di Capocotta, cioè il delitto Montesi, e nella stessa canzone canta auto blu, sangue blu, ladri di Stato e stupratori.

E quindi?

Per l'omicidio di Wilma Montesi furono incriminati Piero Piccioni, figlio del ministro degli Esteri Attilio, e Ugo Montagna, un marchese. Le auto blu, un riferimento ai palazzi romani del potere. Il sangue blu, la nobiltà. Ladri di stato, perché le hanno rubato la vita alla ragazza venendo poi clamorosamente assolti. Stupratori, perché avevano violentato la ragazza. Rino Gaetano tutte queste cose le sapeva.

Racconta la sorella Anna che Rino Gaetano avesse inserito un riferimento al caso Montesi anche in una poesiola infantile. Per dire che il caso di nera, semplicemente, l'aveva colpito profondamente nell'immaginario.

Ma ciò non esclude che più di dieci anni dopo abbia scritto Nun te reggae più in possesso di elementi nuovi.

E perché le avrebbe nascoste dietro riferimenti così complessi?

Perché le sue canzoni erano cavalli di troia. Se fosse stato più esplicito lo avrebbero bloccato. Invece nascondeva cose serissime dietro l'umorismo e lo stile non sense.

Chi è il responsabile della morte di Rino Gaetano, allora?

La massoneria deviata. Direi settori in rapporti con gli Stati Uniti. L'Italia era diventata una colonia americana, Rino l'aveva scritto in molte canzoni, come in Ok papà, dove scrive Usa il pugnale. Anche il modo in cui l'hanno ucciso è un riferimento alla simbologia massonica.

Perché?

E' morto il 2 giungo, data scelta dai padri costituenti, tra cui molti fratelli, per l'unica festa laica del Paese. E poi non mi spiego perché sul luogo dell'incidente sia arrivata per prima un'ambulanza dei pompieri. Per non parlare dell'agonia e delle insufficienze ospedaliere che ricalcano la canzone la Ballata di Renzo.

Mettere insieme stralci di canzoni non le sembra un po' poco per sostenere una teoria del genere?

Lo so, se avessi il documento che testimonia l'associazione di Rino Gaetano alla massoneria sarebbe tutto più chiaro. Ma ho messo in fila elementi chiari, per me oggettivi.

Anna Gaetano lamenta che l'ha conosciuta, per telefono, solo a libro dato alle stampe.
Non avrei potuto contattarla prima. Sapevo che non avrebbe condiviso il mio libro, che mi avrebbe messo il bastone tra le ruote. Non ho nulla contro di lei, ma se ha paura non è colpa mia. E capisco anche che non sia d'accordo con le mie conclusioni, ma non può dire che invento.

intervista di Roberto Procaccini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • matotomato

    04 Ottobre 2014 - 16:04

    che buffonate dice questo...

    Report

    Rispondi

  • sandromondatosaraino

    17 Agosto 2014 - 16:04

    Possiamo andare un pochino più avanti di così affermando con certezza il nome della setta esoterico-massonica di cui era entrato a far parte( non per piacere) ma per il successo. Trattasi della "rosa rossa" terribile setta.

    Report

    Rispondi

  • Aprile2016

    05 Novembre 2013 - 16:04

    ***Profilo ufficiale su FB con la collaborazione della sorella Anna Gaetano. Troverete molte informazioni riguardo la realtà del "Poeta Metropolitano" quale è stato Rino.*

    Report

    Rispondi

  • Aprile2016

    05 Novembre 2013 - 15:03

    *In spiaggia in libertà - Non siamo ai Tropici e non sono le Maldive. Il fascino di questi lidi è ben altro. Capocotta è la zona di litorale romano dal km 7,600 al km 10,100 della via Litoranea, si estende per 45 ettari e dal 1996 fa parte della Riserva Naturale del Litorale romano. Moltissimi anni fa la spiaggia di Capocotta era delimitata da una rete, una semplice rete metallica che però non dava la possibilità di poter godere di quell'angolo deserto di macchia mediterranea e spiagge sabbiose. Quindi qualcuno un giorno decise che era il momento di prendere una cesoia e fare un bel buco nella rete. E così nacque " Il Buco": la spiaggia divenne un luogo trasgressivo dove si accedeva per un varco non proprio legale e dove tutto sembrava permesso: da semplice spiaggia nudista a luogo di perdizione per incontri sessuali non autorizzati appartandosi dietro le dune lussureggianti. Con la gente arrivarono anche i chioschi abusivi dai nomi mitici come "Zagaja", "Attila", "Capanno Giallo", "Ba

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog