Cerca

NOVITA'

Come rendere le cerimonie civili o simboliche meno fredde?

Negli ultimi anni, i riti da affiancare alla semplice lettura degli articoli, stanno spopolando rendendo magico ed indimenticabile il momento.

24 Gennaio 2019

0

Buongiorno care Lettrici e ben ritrovate con la mia amata rubrica del giovedì.

A Milano fa freddissimo e aspetto con ansia la neve mentre cerco spunti costanti da condividere con voi, mie dolci sposine.


Negli ultimi anni vediamo sempre più frequentemente spopolare, durante le cerimonie civili e simboliche, tantissimi riti che servono per rendere più emozionante, empatica e coinvolgente queste cerimonie che rischiano di essere altrimenti molto rapide e un po' (concedetemi il termine) “fredde”.


Tre sono in particolare i miei preferiti. Affrontati più volte nelle situazioni e location più disparate hanno avuto sempre un grande successo tra amici e parenti che hanno dimostrato di apprezzare questo momento particolare e decisamente suggestivo.


Il rito della sabbia ha un bellissimo significato e il risultato finale ottenuto è davvero strepitoso. Nel rito della sabbia, come in quello della luce, quello che si celebra è l'unione. La nascita di una nuova entità, una famiglia, ma – nello stesso tempo – tiene salde ed intatte le personalità degli sposi. Facilissimo da realizzare grazie a dei contenitori di due misure diverse e della sabbia colorata. Marito e moglie hanno ognuno un contenitore o una bottiglietta con all'interno della sabbia colorata scelta a seconda dei colori del matrimonio o della personalità degli sposi. L'importante è che le due sabbie abbiano colore differente. Prima uno e poi l'altro versano, alternandosi, in un contenitore più grande, un po' di sabbia per uno, dando vita ad un terzo contenitore contenente strati di sabbia di colori diversi. Il senso di questo rito è quello dell'unione inscindibile che non altera però le identità delle persone. Si possono ben notare infatti chiaramente i due colori distinti che rappresentano ognuno la personalità di chi l'ha versata, ma si vede chiaramente che insieme sono riusciti a creare una nuova entità insieme che è esattamente la fusione dei due. In questo rito è possibile coinvolgere genitori, testimoni o anche il celebrante semplicemente dando ad ognuno delle figure che si desidera che intervengano, un contenitore contenente sabbia colorata differentemente. Importante è scegliere con cura chi si desidera far intervenire in questo momento così emotivamente speciale. Il rito della sabbia è assolutamente perfetto per le cerimonie civili e simboliche e se accompagnato ad una base musicale suggestiva ed affettivamente importante per gli sposi diventa indimenticabile per tutto coloro che avranno la fortuna di assistervi. Qualora vi sposiate in chiesa potreste dedicare all'interno del ricevimento un momento in cui dar vita a questo rito.


Il rito della luce suscita in me sempre grande emozione e commozione. E' noto che la fiamma sia il simbolo che illumina il cammino di coppia che si accinge a creare una nuova famiglia. Perfetto per cerimonie civili e simboliche, ma spesso anche ben accolto dai parroci durante le cerimonie religiose proprio per il suo profondo ed importante significato. Ognuno degli sposi ha con sé una candela accesa che rappresenta la propria storia, la propria vita, il proprio percorso. Con la fiamma di ognuna delle due candele vanno ad accenderne una terza più grande. Il cero più grande rappresenta l'unione delle due persone che decidono di entrare con tutte sé stesse in una nuova dinamica, in una nuova direzione, in una nuova famiglia. In questo rito è possibile includere anche i propri genitori dando un carico emotivo ancora più alto al momento. I nostri genitori sono coloro che ci hanno donato la vita, coloro che ci hanno reso le persone che siamo oggi e veder passare ai propri figli questa luce che a sua volta darà vita ad una fiamma ancora più grande è emotivamente forte perchè in qualche modo anche loro hanno collaborato e lavorato affinchè nasca una nuova famiglia. Qualora decidiate di dar vita a questo rito ricordatevi di portare con voi due candele a stelo lunghe, bianche o del colore prescelto per il vostro matrimonio e un cero di dimensioni più grande che andrete ad inserire in un contenitore affinchè la fiamma sia protetta dal vento che potrebbe sopraggiungere in qualsiasi momento. Il cero lo potrete poi conservare in un angolo speciale della vostra casa per poi riaccenderlo ad ogni anniversario o in ogni momento in cui avrete voglia di rivivere quelle emozioni o ricreare la situazione speciale vissuta.


L'ultimo rito, ma non per importanza, è quello della velazione. Tale rito può essere aggiunto al rito cattolico per renderlo ulteriormente più emotivamente emozionante. Il rito della velazione ha origini ortodosse e ma può essere svolto durante la celebrazione cattolica previ accordi con il vescovo che tendenzialmente accetta senza problemi. E' un modo per rendere più intensa la benedizione degli sposi, avviene dopo lo scambio degli anelli e delle promesse quando gli sposi sono già stati dichiarati marito e moglie. Gli sposi si inginocchiano e il prete porge loro la benedizione. Anche con questo rito è possibile far partecipare altre persone come testimoni o genitori. In che modo? Affidando a loro il velo da stendere sopra i vostri capi nel momento in cui il prete pronuncia la preghiera della benedizione. Il velo simboleggia lo spirito santo ed è di buon augurio alla nuova famiglia appena formata. Ciò che serve allo svolgimento di questo semplicissimo rito è un velo bianco, semplice, di un tessuto leggero, magari di tulle o di organza. Dovrà essere grande circa 1 metro per un 1,20 metro.


Poter partecipare ad uno di questi riti è davvero molto emozionante. Rendono il momento ancora più speciale e denso di significato. Sono semplici ma catturano l'attenzione dei presenti che porteranno nel cuore un ricordo ancora più speciale del vostro grande giorno.


Parola di Anna Marinello, la vostra wp di fiducia!

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Liliana Segre, a Milano la marcia di solidarietà dei sindaci: "L'odio non ha futuro"

Matteo Salvini, messaggio ai giallorossi: "Il mio obiettivo è tornare al governo"
Zingaretti, l'amara ammissione sulla verifica di governo: "Dobbiamo ridare la fiducia agli italiani"
Mes, Giuseppe Conte: "Non temo il confronto con il Parlamento"

media