Cerca

Social network & privacy

Il referendum di Facebook:
vi possiamo spiare sì o no?

Si apre una settimana di votazioni per 900 milioni di utenti: il quorum (impossibile) al 30%

Il popolo di Zuckerberg chiede agli iscritti di esprimersi su due differenti modalità per il trattamento dei dati personali. Facebook vuole le mani libere per vendere le infomrazioni per scopi pubblicitari

4 Giugno 2012

1
Facebook e Mark Zuckerberg

Il referendum del social network: vi possiamo spiare sì o no?

Il popolo di Zuckerberg chiede agli iscritti di esprimersi su due differenti modalità per il trattamento dei dati personali. Facebook vuole le mani libere per vendere le infomrazioni per scopi pubblicitari

La democrazia scondo Facebook: si apre una settimana di votazioni per i 900 milioni di utenti, che dovranno esprimere la propria opinione su quanto sia "violabile" la propria privacy e sull'eventuale abbandono della criticatissima "timeline" (la rivoluzione concettuale di Facebook, una barra temporale dove è possibile ricostruire tutti gli snodi più o meno fondamentali della propria esistenza). Il social network, paradiso degli spioni (tanto che viene da chiedersi come facessero gli stalker prima di internet e dell'invenzione di Mark Zuckerberg), ha chiesto a tutti gli utenti di esprimere un'opinione sulle nuove regole per la privacy che intende adottare e che ha già pubblicato nelle scorse settimane.

Quorum impossibile - Urne aperte fino all'8 giugno: su un apposita pagina si potrà sceglere se mantenere le vecchie versioni della Dichiarazione dei diritti e delle responsabilità e della Normativa sull'utilizzo dei dati o se, oppure, avallare quelle nuove (si tratta di due documenti lunghi e complessi, di difficile fruizione). In estrema sintesi il popolo di Facebook dovrà decidere se consentire un utilizzo più ampio da parte del social network delle informazioni inserite dagli utenti. Zuckerberg ha stabilito che se il 30% degli utenti voterà il risultato sarà ritenuto vincolante; il caso contrario, sarà ritenuto soltanto un parere. In buona sostanza circa 230 milioni di persone dovrenno valutare le diverse versioni dei documenti e fornire un parere: difficile che venga raggiunto il quorum.

Crollo in Borsa - E Facebook spera che il quorum non venga raggiunto per poter avere le mani libere sul trattamento dei dati personali degli iscritti per poterli così fornire a terzi e creare un business fondamentale. Si tratta di una moneta importantissima per Zuckerberg, perché se il social network potrà "mercanteggiare" le informazioni degli utenti gli introiti pubblicitari potrebbero schizzare, una circostanza fondamentale per arginare il continuo calo in Borsa che ha dovuto fronteggiare il social network (che "non produce niente") dopo la quotazione. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sig.nessuno

    04 Giugno 2012 - 14:02

    Chi controlla la regolarità del sondaggio? Conflitto di interessi e Democrazia non sono compatibili but... It's the American Way!

    Report

    Rispondi

Luigi Di Maio arriva al Consiglio affari esteri dell'Ue. L'incontro con Federica Mogherini

Silvio Berlusconi, gli chiedono di Greta Thunberg e lui ribatte con una barzelletta su viagra e svedesi...
Iene, Filippo Roma aggredito alla festa del M5s a Napoli: vergognoso agguato grillino
Silvio Berlusconi lancia Mario Draghi premier: "Intelligente e preparato. Se fosse disponibile..."

media