Cerca

cronaca

11.36, Genova si ferma

Un minuto di raccoglimento per le 43 vittime del crollo del Ponte Morandi. Bagnasco: "Angeli della città, Genova non li dimenticherà mai" (FOTO). I parenti contro vertici Aspi, delegazione lascia la cerimonia

14 Agosto 2019

0
11.36, Genova si ferma
Un minuto di raccoglimento per le 43 vittime del crollo del Ponte Morandi. Bagnasco: "Angeli della città, Genova non li dimenticherà mai" (FOTO). I parenti contro vertici Aspi, delegazione lascia la cerimonia

Genova, 14 ago. - (Adnkronos) - Dall'inviato Marco Barboni

A Genova è il giorno della cerimonia commemorativa per le 43 vittime del crollo del Ponte Morandi, il 14 agosto dello scorso anno. Nel capannone della nuova Pila 9 del viadotto Polcevera il Comune di Genova ha organizzato la cerimonia per ricordare la tragedia e manifestare il cordoglio e la solidarietà della città ai parenti delle vittime (FOTO). Presenti il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, i due vicepremier Matteo Salvini e Luigi Di Maio, rappresentanti del governo, delle istituzioni e dei familiari delle vittime. Anche se molti familiari non hanno partecipato alla commemorazione istituzionale. Alle 11.36, momento esatto del crollo, Genova si è fermata per un minuto di raccoglimento. A rompere il silenzio soltanto il suono delle campane delle chiese della città e il fischio delle sirene delle navi attraccate al porto.

Il capo dello Stato, che ha incontrato una delegazione dei parenti delle vittime, in una lettera inviata al quotidiano genovese 'Il Secolo XIX' ha sottolineato che "nulla può estinguere il dolore di chi ha perso un familiare o un amico a causa dell'incuria, dell'omesso controllo, della consapevole superficialità, della brama di profitto". "Tragedie come quella del Ponte Morandi non devono ripetersi mai più - ha scritto Mattarella - La presenza, oggi, delle più alte istituzioni a Genova ha il significato di testimoniare unanime sostegno, non solo a parole, a una città e alla tenacia dei suoi abitanti che hanno diritto alla rinascita economica e sociale".

DELEGAZIONE ASPI LASCIA LA CERIMONIA - Alla cerimonia sono arrivati anche Fabio Cerchiai e Giovanni Castellucci, rispettivamente presidente e amministratore delegato di Atlantia. Atlantia è la holding che controlla Autostrade per l’Italia, concessionaria del tratto autostradale su cui si trovava il ponte. Alcuni parenti delle vittime hanno chiesto al premier Conte che i vertici di Autostrade per l’Italia lasciassero la cerimonia. Il premier, a quanto si apprende, ha informato la delegazione guidata da Cerchiai e Castellucci. La delegazione ha preferito lasciare l’area per non creare problemi e per rispetto ai famigliari delle vittime. I rappresentati di Aspi sono stati invitati alla cerimonia dal sindaco di Genova e commissario per la ricostruzione, Marco Bucci. "Non abbiamo ritenuta giusta la presenza dei vertici di Autostrade per l’Italia alla cerimonia e abbiamo chiesto al premier Conte e al cerimoniale che fossero allontanati. La loro presenza è stata perlomeno una cosa molto indelicata" ha detto Giuseppe Matti, padre di Luigi, morto nel crollo di Genova. "Non era opportuno che venissero, non si sono fatti sentire per un anno, neanche un telegramma, un messaggio, niente - ha spiegato - A me l’unica cosa che interessa è che sia fatta giustizia per queste vittime".

In una lettera aperta di Aspi, pubblicata su alcuni quotidiani nazionali e sui giornali liguri, si legge che "ad un anno dalla tragedia del Ponte Morandi, il Consiglio di Amministrazione di Autostrade per l’Italia, quello di Atlantia e i lavoratori di tutto il gruppo rinnovano il cordoglio e la compassione più sincera per le vittime del crollo e per il dolore dei loro familiari". Alle ore 11.36, su tutta la rete di Autostrade per l’Italia, i pannelli a messaggio variabile hanno trasmesso il messaggio: "14/8/2018 - 14/8/2019. In ricordo delle vittime di Genova".

L'OMELIA DI BAGNASCO - La cerimonia di commemorazione è iniziata con la lettura dei nomi delle 43 vittime. In prima fila per la messa, officiata dall’arcivescovo di Genova, cardinale Angelo Bagnasco, il presidente Mattarella, il premier Conte, i vicepremier Salvini e Di Maio, il sindaco Bucci e il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti. Presenti anche i ministri Giovanni Tria, Alberto Bonisoli e Alfonso Bonafede.

"A distanza di un anno dal tragico crollo del ponte Morandi Genova è qui, e con noi prega per le vittime, angeli della Città. Li pensiamo nella luce, tra le braccia di Dio; e con gli occhi della fede li vediamo affacciarsi dalla finestra del cielo mentre pregano per i loro cari, per tutti noi: Genova non li dimenticherà mai" le parole pronunciate da Bagnasco nell'omelia. "Abbiamo incisi nel cuore quei giorni, quell’apocalisse che ci ha lasciati senza respiro, che ci ha fatti sentire svuotati, come se tutto - d’improvviso - fosse precipitato nel buio. Come in quei momenti di lutto, la Città rinnova il suo abbraccio ai familiari delle vittime: siamo consapevoli - ha aggiunto - che nessuno di noi può colmare il vuoto dei loro cari, ma umilmente e, con grande rispetto, vogliamo stringerci a loro perché non si sentano troppo soli. Anche le parole del Santo Padre Francesco ci fanno sentire il suo affetto e la sua vicinanza: di cuore lo ringraziamo".

"Abbiamo stampata nell’anima anche una luce che ha sfidato l’oscurità di quei momenti funesti - ha detto Bagnasco - una luce che man mano si è ingrandita, che si è fatta largo tra le macerie alla ricerca di vita: è la luce dei soccorritori sbucati da ogni dove, come se fossero miracolosamente pronti ad essere presenti e operativi. E’ stato solo dovere? No, è stato anche amore. Era la luce dell’amore che da quelle macerie è scaturita insieme all’immenso dolore". "E quell’amore - ha rilevato - si rivestiva di perizia, di speranza, di ostinato coraggio, di sacrificio, che è l’altro nome dell’amore. A tutti - dalle forze dell’ordine ai vigili del fuoco, dalle istituzioni pubbliche alle diverse organizzazioni, dal mondo delle professioni ai molti volontari - rinnoviamo gratitudine; essi hanno espresso l’anima di Genova, la sua forza di non piegarsi, di non arrendersi, la coriacea volontà di rinascere. E così è!".

"Nonostante gli interventi giunti, le difficoltà sono state pesanti - ha detto ancora l'arcivescovo di Genova - e i disagi diffusi per muoversi da una parte all’altra, per gli abitanti della zona, per non pochi lavoratori che qui avevano le loro attività: tutti hanno vissuto il distacco da un ambiente familiare e caro, hanno visto messo in crisi il loro lavoro. Ma su tutto ha aleggiato la speranza, il credere in un futuro non lontano, e che oggi cominciamo a vedere. La demolizione del rimanente troncone del ponte è stato come il definitivo distacco da un pezzo di storia, ma la Città è protesa al futuro, un futuro che, con onestà e determinazione, dobbiamo guardare insieme".

"Genova oggi è simbolo di volontà di rinascita e forza d'animo" ha affermato il premier Giuseppe Conte durante la cerimonia di commemorazione. "Genova precipitata nell'ora più buia ha riacceso la luce e ridato speranza a un Paese intero" ha sottolineato il presidente del Consiglio, e "non cesseremo mai di invocare giustizia" per le vittime.

"Oggi si stanno commemorando le vittime perché qualcuno non ha fatto il proprio dovere - ha osservato Luigi Di Maio - Il nostro dovere, invece, è fare in modo che tragedie come questa non accadano mai più". "La richiesta di giustizia delle famiglie delle vittime è la richiesta di tutta l’Italia" ha rimarcato Matteo Salvini.

"Vi assicuro che ogni anno abbiamo lavorato tutti per essere all'altezza del vostro dolore. Ce l'abbiamo messa davvero tutta, dove non siamo arrivati non è stato per mancanza di impegno" le parole del governatore Giovanni Toti. "Mi rivolgo al presidente della Repubblica perché so con quanta cura, affetto e anche presenza fisica, visto che è venuto molte volte a trovarci, ha seguito la nostra vicenda. Il dolore dell'Italia si può lenire solo con la verità, quella verità che solo un Tribunale può pronunciare. La strage di Genova non può rimanere uno dei troppi avvenimenti italiani in cui c'è poca verità. Abbiamo bisogno di conoscere la verità. Il dolore della Repubblica si sanerà quando sapremo la verità di cosa è successo e le responsabilità per cui è successo" ha detto Toti.

La crisi di governo "non ostacolerà la ricostruzione. Ho avuto nei giorni scorsi la rassicurazione dal governo che ci sarà e che avremo il loro supporto e che sarà continuo" ha spiegato il sindaco Marco Bucci, a margine della cerimonia. I lavori per la ricostruzione "procedono e sono convinto che a fine aprile ci sarà il nuovo ponte".

Durante la cerimonia di commemorazione le parole di Egle Possetti, presidente del Comitato Familiari Vittime del Morandi. "Non possiamo pensare di non poter più abbracciare i nostri cari, la loro unica colpa è stata quella di trovarsi lì in quel momento. Una condanna a morte senza possibilità di appello", ha detto Possetti. "Chiediamo un segnale concreto ai nostri rappresentanti, affinché i cittadini vengano tutelati. Bisogna gestire con attenzione i beni pubblici e potenziare la vigilanza. Chiediamo ai cittadini - ha aggiunto - di essere vigili ed attenti, di tenere viva la coscienza civile per stimolare le azioni concrete della classe politica. La parola principale del nostro Paese deve essere prevenzione". "Continueremo a lottare con determinazione cercando la verità, perché noi queste 43 vittime non le dimenticheremo mai", ha concluso.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Ondata di caldo, Venezia tra le città più afose d'Italia

Open Arms, la portavoce Ue Mock: "Sei paesi disponibili ad accogliere i migranti"
Nadia Toffa, piazza del Duomo di Brescia celebra i funerali della conduttrice
Matteo Salvini, frecciatina a Pd e M5s: "Noi non abbiamo paura di perdere la poltrona"

media