Cerca

Addio, presidente

Mario Draghi, l'ultima mossa salva-Europa: rilancia il Quantitative Easing

25 Luglio 2019

3
Mario Draghi: "L'economia Ue rallenta, tassi invariati fino a metà 2020". E rilancia il Quantitative easing

Per l'Eurozona "i rischi per le prospettive di espansione restano orientati al ribasso per via della prolungata presenza di incertezze connesse a fattori geopolitici, alla crescente minaccia del protezionismo e alle vulnerabilità nei mercati emergenti", spiega Mario Draghi, presidente della Bce, al termine della riunione del Consiglio direttivo. "Un significativo livello di stimoli monetari continua a essere necessario affinché le condizioni finanziarie rimangano molto favorevoli e sostengano l'espansione dell'area dell'euro, continuino a far rialzare i prezzi e lo sviluppo dell'inflazione sottostante nel medio termine".

"I Paesi ad alto debito pubblico devono rinforzare i loro cuscinetti fiscali e tutti i Paesi dovrebbero aumentare i loro sforzi per raggiungere una composizione delle finanze pubbliche più orientata alla crescita", continua Draghi. Nonostante segnali di peggioramento dello scenario economico dell'Eurozona "non siamo ancora al momento" di dover varare nuovi strumenti, perché "reputiamo ancora abbastanza bassi i rischi di recessione", continua Draghi.

Al momento il Consiglio direttivo si attende che i tassi di interesse di riferimento della Bce si mantengano su livelli pari o inferiori a quelli attuali" almeno fino a tutta la prima metà del 2020 "e in ogni caso finché sarà necessario per assicurare che l’inflazione continui stabilmente a convergere su livelli inferiori ma prossimi al 2% nel medio termine". La Bce apre quindi alla possibilità di un nuovo Quantitative easing. Infatti, davanti a un'inflazione "costantemente al di sotto dei livelli" previsti dal mandato della Bce, il Consiglio direttivo ha sottolineato la necessità di una politica monetaria "molto accomodante per un periodo di tempo prolungato" ed "è pronto ad adeguare tutti i suoi strumenti".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brunom

    26 Luglio 2019 - 01:01

    Presto per la BCE si presentera' il problema della Deutsche Bank. I tedeschi pensano di chiudere le operazioni negli USA e lasciare 43 trilioni di derivati nelle banche americane. Mi sa che che il bello non e' ancora venuto.

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    25 Luglio 2019 - 17:05

    Senza Draghi , se la Lagarde sarà eterodiretta da Macron-Merkel, la Banca Centrale Europea sarà un disastro per l'Europa intera.

    Report

    Rispondi

  • agosvac

    25 Luglio 2019 - 16:04

    Quel che propone Draghi ha ben poca importanza. Quel che importa è cosa farà il successore di Draghi. Se sarà la signora lagarde, l'UE è finita!!! Non è che la fine di questa UE mi preoccupa granché, anzi prima finisce meglio è, ma chissà quali ulteriori danni riuscirebbe a fare la signora lagarde!!!

    Report

    Rispondi

Liguria, i vigili del fuoco soccorrono un escursionista in difficoltà su una parete rocciosa

Crisi di governo, parla Giovanni Tria: "I conti sono a posto. La legge di bilancio si può fare"
Gianluigi Paragone si schiera con Alessandro Di Battista: "Il Pd mostra la solita spocchia". M5s spaccato
Incendi in Amazzonia, le immagini aeree delle zone devastate. Terrificante

media