Cerca

L'editoriale

Vittorio Feltri: Ecco i terroni che ho amato e stimato

29 Agosto 2019

0
Vittorio Feltri

Vittorio Feltri

Molta gente mi accusa di essere antiterrone, cioè di detestare i connazionali nati e cresciuti da Roma in giù. Critiche superficiali e false. La verità è che ho avuto ed ho pochi amici, la quasi totalità dei quali è (ed era) meridionale. Ne cito alcuni, i più cari: Paolo Isotta, insigne scrittore, Ettore Botti, Salvatore Scarpino e Gaetano Afeltra, giornalisti di vaglia.
Tra i politici che un tempo conobbi e frequentai, c' erano uomini di valore, mentre quelli di oggi mi sembrano modesti, per usare un termine gentile, eppure assatanati, vogliosi di sbranare il potere usando mezzucci squallidi. Al confronto di costoro, i personaggi del Sud di una volta erano giganti sia sotto il profilo culturale sia sotto quello etico e tecnico. Ne ricordo qualcuno, i migliori, che durante la prima Repubblica si sono distinti per saggezza e competenza.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Bagno di folla per Matteo Salvini al suo arrivo a Pontida

Salvini duro con la signora che ha rifiutato l'affitto alla ragazza foggiana: "Una cretina"
Matteo Salvini sicuro su Pontida: "Sarà la più partecipata di sempre. Vogliamo unire il Paese"
"I Conte tornano". Camera con Vista, i retroscena dalla settimana del bis

media