Cerca

L'editoriale

Vittorio Feltri: Chi se ne va fa solo bene

27 Dicembre 2019

0
Vittorio Feltri

Vittorio Feltri

Il ministro dell' Istruzione Fioramonti, del Movimento 5 Stelle, si è dimesso perché non gli hanno dato i soldi per realizzare i propri progetti.
Che erano ambiziosi ma non tutti sbagliati. Rispettiamo le sue decisioni e, se ci permettete, ammiriamo lui che le ha prese senza tirarla troppo per le lunghe. Non mi date la possibilità di portare a termine i miei programmi? Grazie lo stesso, me ne vado. Finalmente un grillino che rinuncia alla poltrona però non alla dignità di uomo chiamato a far qualcosa di più che stare seduto su uno scranno comodo. In Italia la scuola e l' università non sono pessime come si dice, sfornano ragazzi bravi e pronti a entrare con profitto nel mondo del lavoro. Ma devono comunque migliorare e abbisognano di finanziamenti allo scopo di non perdere posizioni importanti sul piano internazionale.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Coronavirus, il video di Amadeus per la Rai: "Aiutiamoci l'un con l'altro"

Stefano Nicolao e l’arte dei costumi: l'intervista di Viviana Battaglione
Ballo di Carnevale tra le epoche al Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari
Coronavirus, il governatore delle Marche sfida Conte: "Chiudo le scuole", si va in Tribunale

media