Cerca

L'Avvenire: sul Cavaliere

i vescovi hanno parlato

28 Luglio 2009

6
L'Avvenire: sul Cavaliere
I vescovi e il loro giornale, Avvenire, sul gossip politico non hanno taciuto. Lo ribadisce lo stesso quotidiano in una risposta del direttore alla lettera di un prete, don Angelo Gornati. “Perché non si dice quasi nulla di questo peccato di immoralità?”.
Don Angelo, da Limbiate, è preoccupato: perché per lui i vescovi Avvenire sono rimasti zitti sia sullo scandalo delle escort a Palazzo Grazioli sia sulle misure contro l’immigrazione adottate dal governo. “Dov’è la parola chiara, precisa, puntuale che condanna?”, continua. “Dov’è la tolleranza cristiana?”, continua in riferimento all’accoglienza di “persone che fuggono dall’inferno e chiedono aiuto”. “Né sul suo giornale – conclude chiamando in causa il direttore Dino Boffo (nella foto)  – né nelle parole di tanti Vescovi c’è stata una condanna precisa, chiara, evangelica”.
Ma lo stesso Boffo risponde e fa capire che non è andata così, che sull’affare D’Addario Avvenire non è rimasto zitto: niente “silenzi di convenienza”, ma parole appropriate. “Per i media nazionali la posizione di Avvenire è inequivocabile, glielo posso assicurare. E lo stesso mi sento di dire per i nostri Vescovi”. “Non me la sento di accogliere la sia accusa di ‘convivenza’”, ribatte Boffo. Anche perché dal presidente della Cei, cardinal Bagnasco, al segretario generale, monsignor Crociata, “le occasione pastorali” per esprimere il disappunto di fronte alla vita privata del premier Berlusconi non sono venute meno.
“Lei mi dice che è sgomento per il nostro silenzio”, scrive il direttore nella risposta a don Gornati, “mentre altri, prendendo al volo le nostre parole, ci fanno addirittura gridare”. Saranno pure state risposte di basso profilo, non sensazionalistiche, ma la Chiesa ha detto la sua.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 22101938

    30 Luglio 2009 - 11:11

    la cronaca di oggi riporta ,purtroppo per noi cattolici,la notizia dell'allontanamento definitivo di fra' Vladic,padre spirituale dei sei veggenti di Medjugorje,dall'Ordine dei frati francescani per aver avuto ,tra l'altro,rapporti sessuali con una suora.Ecco un bell'esempio,per don Gornati e altri parroci, cappellani militari delle truppe di repubblica,della trave evangelica nel proprio occhio.

    Report

    Rispondi

  • cavallotrotto

    29 Luglio 2009 - 17:05

    lapravda dice giusto come mauro e ziogigi. se ognuno guardasse a casa propria non avrebbe fiato per parlare. la trave non si vede mai, ma la pagluzza sempre. quando uno grida tanto è solo per nascondere il suo marciume . non ho ancora visto un monsignore che non se la tiri!!che schifo.

    Report

    Rispondi

  • orabasta80

    29 Luglio 2009 - 09:09

    Insomma secondo voi tutto normale? Welby (o i preti pedofili) andavano stigmatizzati pubblicamente, Silvio no. Ma per piacere........

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media