Cerca

Duetto Cossiga-Casini in radio

I due cantano l'inno Dc

6 Agosto 2009

7
Duetto Cossiga-Casini in radio
Francesco Cossiga sembra quasi scherzarci sopra e deve divertirsi molto perché oggi è tornato alla carica: se ieri infatti aveva fatto sapere al leader dell’Udc Pierferdinando Casini che gli piacerebbe rifondare un partito di centro, oggi si è messo pure a cantare il vecchio inno della Dc.
"Pierferdinando, cerca di collaborare anche tu – è stato l'appello lanciato dal presidente emerito al leader dell'Udc, nel corso della trasmissione di Radio2 "Un giorno da pecora" - Io sono un nostalgico della Prima Repubblica. Aiutami affinché chi vivrà nella Terza, non provi la stessa terribile nostalgia".
Lo spunto per la discussione è stata una canzone dal titolo 'Carry Me Home' (Riportami a casa), che Cossiga ha lanciato e dedicato in diretta proprio a Casini. Casa della quale sente una gran mancanza l'ex presidente della Repubblica. Casini ha risposto di sognare un “grande centro” che spazi da Pisanu e Rutelli, fino a una “Bindi che ci sta sempre bene”.
E allora ecco che arriva il finale tutto nostalgia e molto amarcord: Casini e Cossiga in diretta hanno improvvisato un duetto canoro, vagamente stonato, rispolverando l'inno dei lavoratori cristiani, "Biancofiore", "O bianco fiore - simbol d'amore, - con te la gloria - della vittoria".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gmarcosig335

    10 Agosto 2009 - 08:08

    De Gsperi e la DC erano una cosa, Cossiga e Casini ne rappresentano un'altra, quella del potere perduto. Illustre Luciano nessuno mi creda ha voglia di tornare indietro, la storia come dice Lei riserba molte ombre, soprattutto in casa DC, dove le faide interne non hanno risparmiato nemmeno degli esseri umani, come Moro, tanto per non far nomi. Poi Casini non lo si può accostare minimamente alla vecchia DC se non solo per la sua ondeggiante posizione politica, frutto della sua ossessionante caccia al potere.

    Report

    Rispondi

  • lucianogiorgini

    09 Agosto 2009 - 16:04

    IN MOLTI FORSE NON SI RICORDANO CHE IL BENESSERE E LA DEMOCRAZIA CHE ABBIAMO IN ITALIA E' NATA NEL 1946 DOPO LA GUERRA ANCHE DA UN GRANDE PARTITO POPOLARE COME LA DEMOCRAZIA CRISTIANA E DA UN GRANDE STATISTA COME ALCIDE DE GASPERI.-FORSE RICORDARE E LEGGERE LA POLITICA DI QUEGLI ANNI NON FAREBBE MALE E CIO' NON VUOL DIRE ESSERE NOSTALGICO

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    07 Agosto 2009 - 20:08

    Cè poco da commentare,se andassero per ristoranti,sarebbe meglio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media