Cerca

I ladri pari sono

Vittorio Feltri: il nero ammazzato in Calabria? Perché il razzismo non c'entra

5 Giugno 2018

13
Vittorio Feltri

I giornali ieri riportavano una notizia tragica. Un uomo di colore, tale Sacko Soumaila, 29 anni, originario del Mali, munito di regolare permesso di soggiorno è stato ucciso a fucilate nella piana di Gioia Tauro. Si dice che il delitto sia avvenuto a causa di razzismo. Chi gli ha sparato sopprimendolo avrebbe agito per odio nei suoi confronti perché nero. Non è vero. Costui era stato sorpreso a rubare materiale ferroso in un cantiere e qualcuno, esasperato dai latrocini ricorrenti nella zona, non ha esitato a premere il grilletto. Va da sé che non bisogna stecchire nessuno nemmeno i ladri, ma va altrettanto da sé che non è lecito rubare.

Fin qui immagino siamo tutti d’accordo, almeno spero. Sennonché spacciare per xenofobo un delitto che tale non è rivela una mentalità totalmente sbagliata. Trattasi di reazione eccessiva a un gesto illegittimo commesso da un africano ospite regolare del nostro Paese, il quale si era fatto sorprendere a prelevare roba non sua. C’è una bella differenza.

Chi di notte, o di giorno, si intrufola nella proprietà altrui allo scopo di fare razzie, forse non merita di essere ammazzato, ma nemmeno di passare per una brava persona uccisa solo poiché ha la pelle scura. In Calabria, nel circondario di Rosarno, non si scherza: coloro che vengono scoperti a portare a segno un furto, difficilmente la fanno franca.

Da quelle parti vige una legge severa, non quella dello Stato, bensì della ’ndrangheta che non tollera sgarri, né quelli compiuti dai bianchi né, tantomeno, quelli compiuti dai neri.

È una questione di cultura, il problema non è il razzismo: viene colpito il ladro, a prescindere dalla sua nazionalità. Sacko è stato abbattuto in quanto ha osato impadronirsi di mercanzia d’altri. Punto e basta. Serve mettersi in testa che l’Italia non è un Paese omogeneo dove si rispettano le medesime norme. Al Nord comanda l’economia, al Centro la Chiesa e al Sud la mafia.

Chi ignora il dato non capirà mai perché nel Mezzogiorno la ’ndrangheta la fa da padrona. Il motivo è chiaro. Essa è più efficiente dello Stato, il quale soccombe sempre per manifesta inadeguatezza.

A San Luca, sull’Aspromonte, la caserma dei Carabinieri chiude alle sei di sera e riapre alle nove di mattina. Il portoncino di ingresso è crivellato di colpi d’armi da fuoco. Se la realtà è quella descritta, e l'ho potuta verificare, è impensabile che non prevalga la mafia sulla legalità. Ovvio pertanto che gli estranei ladri in Calabria siano soggetti alle norme locali e non a quelle di stampo nazionale.

I neri che si stabiliscono nella zona sappiano che se sono in grado di sfuggire al codice penale, non scappano a quello degli ’ndranghetosi. Costoro non distinguono tra furfanti bianchi o abbronzati. E sparano.

di Vittorio Feltri

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • UFOOO

    07 Giugno 2018 - 12:12

    che uomo intelligente però sto tizio ora si farà 20 anni di carcere per salvare un po di ruggine

    Report

    Rispondi

  • loryyyyy

    06 Giugno 2018 - 16:04

    Forse il sud è strategicamente tenuto in miseria per dare quella manovalanza alla mafia che è sempre servito a gestire contrabbandi e traffici per un potere e per interessi di gran lunga più delocalizzati. Della mafia so poco;solo quello che si legge oziosamente su riviste e giornali; ma se Feltri la riduce ad un fenomeno del sud...VUOL DIRE SOLO CHE FELTRI DI MAFIA NE SA DI GRAN LUNGA MENO DI ME.

    Report

    Rispondi

  • loryyyyy

    06 Giugno 2018 - 16:04

    "Al Nord comanda l’economia,... e al Sud la mafia".Tanti anni di giornalismo...per essere capaci solo di un raffazzonamento simile?Feltri attribuisce la Mafia al sud.Se la Mafia fosse davvero così ben localizzata,sarebbe facile da sconfiggere;invece guadagna,specula,intrallazza e investe non al Sud?Forse xchè i veri "capi" non sono del Sud?La cupola mafiosa oggi è chiamata trattativa Stato-Mafia?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Open Arms, Matteo Salvini sfida la Ong sui porti chiusi: "Se serve, vado in galera"

Open Arms, Salvini sfotte Richard Gere: "Ci dà dei razzisti, poi...". La vacanza in Italia, ciao migranti
Matteo Salvini svela le trame di Renzi e Boschi: "Il re è nudo. Quali sono i loro due soli scopi"
Open Arms, l'appello della Ong; "La situazione a bordo è insostenibile"

media