Cerca

i numeri

Castrazione chimica, il sì delle donne e del Pd: la Lega al primo posto con il 91% dei consensi

8 Ottobre 2018

1
Castrazione chimica, il sì delle donne e del Pd: la Lega al primo posto con il 91% dei consensi

Il dibattito sulla castrazione chimica per chi commette atti di violenza sessuale o di pedofilia è da sempre un tema assai controverso. Ma questa volta sembra esserci una posizione predominante: il 77% degli italiani, nonché otto su dieci, dichiara di essere favorevole. Il risultato del sondaggio di Eumetra Mr evidenzia che ad essere particolarmente favorevoli, nel 79% dei casi, sono le donne. Non è una coincidenza se si pensa che sono proprio loro i soggetti più a rischio. Per quanto riguarda i partiti a sostegno della castrazione al primo posto, con un 91% di consensi, c'è la Lega, che ha già pensato di proporre un disegno di legge a riguardo, inserendolo anche in campagna elettorale. Nonostante il tema non sia stato inserito nel Contratto di governo stipulato con il Movimento 5 Stelle, i grillini e Forza Italia la pensano come i leghisti, raggiungendo rispettivamente l'83 e l'85% dei sì. 

E il Pd? I dem sono ancora i più scettici, ma questa volta le cose cambiano, perché il 65% dei piddini sostiene la castrazione chimica. Un risultato quello emerso dall'indagine, mandata in onda durante il programma Quarta Repubblica su Rete Quattro, che dimostra lo stato d'animo del Paese. I cittadini vivono nella preoccupazione per l'incolumità personale e quella della propria famiglia. Una preoccupazione che si tramuta spesso in paura. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pttfabrizio@gmail.com

    pttfabrizio

    08 Ottobre 2018 - 22:10

    pensavo che alla signore del pd piacesse essere adoperate con la violenza, visto che sono culo e camicia con la boldrina, secondo me lo dicono perchè sono ipocrite, ma sotto sotto non vedono l'ora di essere prese da qualche loro bandito, o magari anche qualche migrante di colore o arcobaleno.

    Report

    Rispondi

media