Cerca

Da brividi

Imane Fadil, all'obitorio il diktat della procura: "Nessuno si avvicini al cadavere". Perché?

17 Marzo 2019

0
Obitorio Milano

Un ordine, perentorio e sorprendente. Un diktat che va ad infittire il giallo della morte di Imane Fadil. Una scritta a mano di cui dà conto Repubblica.it che compare sul fascicolo dell'obitorio di Milano dove si trova il corpo della testimone del processo Ruby morta lo scorso primo marzo. Scritta che recita: "Non farla vedere a nessuno". Si parla ovviamente del cadavere della ragazza. La frase, apposta da uno degli addetti del Comune, di fatto riporta l'ordine che arriva dalla Procura: al cadavere di Imane Fadil non può avvicinarsi nessuno, nemmeno amici e parenti. Il corpo è blindato ormai dai 17 giorni nell'obitorio, in attesa dell'autopsia che si terrà in settimana e dalla quale si attendono molte risposte.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Venezia, ecco come sarà il Mose una volta completato: immagini sorprendenti

Salvini ironizza su Zingaretti: "Dopo la riproposta dello Ius soli si è preso i 'vaffa' pure dagli alleati"
Che tempo che fa, David Grossmann con Liliana Segre: "So cosa ha passato"
Maltempo, Alto Adige in ginocchio sotto la neve: valanghe come colate di lava, interi villaggi devastati

media