Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sea Watch 3, irruzione della Guardia di Finanza nella notte: il decreto sicurezza di Salvini funziona

Davide Locano
  • a
  • a
  • a

Trova subito un'applicazione pratica il decreto sicurezza-bis voluto da Matteo Salvini e dalla Lega. Ieri, sabato 15 giugno, il ministro dell'Interno ha firmato "il divieto di ingresso, transito e sosta alla nave Sea Watch 3 nelle acque italiane". Successivamente il divieto è stato notificato alla Ong dalla Guardia di Finanza, ma l'equipaggio ha fatto sapere di non volere fare marcia indietro: "Restiamo al largo di Lampedusa e reiteriamo la richiesta di sbarco". La notifica è avvenuta nel cuore notte tra sabato e domenica, con le Fiamme Gialle che hanno fatto irruzione a bordo della Sea Watch 3. La Ong ha protestato: "Non si comprende la necessità di farlo nel cuore della notte, restiamo al largo di Lampedusa e reiteriamo la richiesta di sbarco", hanno fatto sapere. Insomma, il braccio di ferro continua. Sabato, era stato autorizzato lo sbarco di una decina di immigrati dal Quirinale. "Sono stati autorizzati a scendere bimbi, donne incinte e malati. Io voglio il bene di tutti", aveva commentato Salvini, aggiungendo poi che la Sea Watch "per me può restare nel Mediterraneo fino a Capodanno". Leggi anche: Sea Watch, altra vergogna dell'Europa contro l'Italia

Dai blog