Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Papa Francesco vittima di una terrificante aggressione verbale: "A calci in cu*** fino ad Avignone"

Caterina Spinelli
  • a
  • a
  • a

Ancora Papa Francesco al fianco degli immigrati. Il Pontefice si rivolge ai fedeli chiedendo loro di considerarli "prima di tutto persone umane". Frasi che per quanto contestabili - chi non li considera esseri umani? - hanno suscitato una schifosa reazione di alcuni utenti sui social. Già, ai tempi di Twitter è possibile anche insultare il Pontefice. E con toni orribili, irriferibili, inaccettabili. "Ah France. C'hai rotto il ca**o se po' di???", commenta uno dei più "educati" (se così possiamo definirlo). Poi ancora: "Vada affa...il vedere la sua faccia mi da fastidio", oppure "Hai rotto. A calci in c**o ad Avignone!". Ma non mancano - riferisce it.euronews.com - le anime pie che inveiscono contro Papa Francesco e lo invitano a pensare piuttosto ai "bambini oltraggiati e alla famiglie distrutte di Bibbiano" (indagato un sindaco PD), ai "terremotati" (un classico del repertorio) oppure al "povero #VincentLambert agonizzante perché assetato o affamato". Leggi anche: Papa Francesco celebra un'intera messa per Carola, ma la Curia dà ragione a Salvini Non solo, sui social ci sono anche diversi fotomontaggi in cui si accostano gli italiani brava gente in miniera e le persone di colore che camminano o che sono sedute (nullafacenti!). Poi c'è anche chi, reinventandosi i Vangeli, scrive che "Gesù non era un migrante punto!". Insomma, l'inciviltà non risparmia neppure il Pontefice.

Dai blog