Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, sepolture ogni mezz'ora in Val Seriana: un ritmo da guerra

  • a
  • a
  • a

La storia di Giorgio. Valoti, 70 anni, primo cittadino di Cene, storico rappresentante della Lega nel paese dove (nel 1990) il Carroccio fa eleggere per la prima volta un suo uomo a capo di un' amministrazione, primo sindaco italiano che muore positivo al coronavirus nell' ospedale di Bergamo, quello che è diventato la prima trincea italiana del Covid 19, apre uno squarcio sulle condizioni in cui si lavora in Val Seriana dopo il diffondersi del coronavirus. "C' è una sepoltura ogni mezz' ora", dice l' assessore ai servizi cimiteriali, Giacomo Angeloni intervistato da Repubblica. "Dobbiamo accogliere anche i feretri di persone decedute negli ospedali della città nella chiesa di Ognissanti".

 

 

 

Nelle ultime ore il numero dei contagiati (aggiornato a 2.368) cresce ancora nella provincia più colpita d' Italia. Il fuoco virale si concentra ancora su in Val Seriana: il primo focolaio lombardo insieme a Codogno. Da lì il virus ha iniziato a distribuire morte. Perché i primi casi sono stati sottovalutati: derubricati a forme influenzali aggressive.

Dai blog