Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Roberto Speranza, "Aumentano i contagi, focolai sconosciuti". Covi de dpcm del 16 gennaio, "stato d'emergenza fino ad aprile"

  • a
  • a
  • a

"Peggioramento generale". Il ministro della Salute Roberto Speranza illustra in Parlamento le nuove misure contenute nel Dpcm che entrerà in vigore dal 16 gennaio e disegna un quadro più che allarmante. "Aumentano le terapie intensive, l'indice Rt e focolai sconosciuti. Non facciamoci fuorviare, l'epidemia è nuovamente in una fase espansiva". Speranza cita quanto sta accadendo in Gran Bretagna e Germania: "Non c'è altra strada che l'unità per affrontare l'emergenza più grave dal dopoguerra. Attenzione, il virus è tornato a circolare molto pericolosamente. Quando tutti i parametri peggiorano contemporaneamente abbiamo l'obbligo di prendere nuove misure e il governo ritiene inevitabile proroogare al 30 aprile lo stato di emergenza".

I prossimi mesi "saranno terribilmente complicati. Con il vaccino vediamo la luce in fondo al tunnel, ma non abbiamo ancora vinto. La nottata non è ancora passata". L'esponente di LeU invita i partiti a "tenere fuori dalla battaglia politica la salute degli italiani, sarebbe un errore imperdonabile rallentare a pochi metri dal traguardo, nell'ultimo miglio", ha sottolineato Speranza. "Ora sappiamo che il Covid ha i mesi contati e con i vaccini sconfiggeremo questo virus. La scienza sta illuminando la strada che ci porterà fuori da questa stagione terribile e dobbiamo investire sempre di piu sulla scienza. Però non abbiamo ancora vinto e non dobbiamo sbagliare la lettura di questa fase decisiva". Sul nuovo dpcm, Speranza ha confermato l'intenzione di mantenere divieto di spostamento anche in zona gialla e il divieto di asporto dopo le 18 dai bar, con l'ingresso in area arancione di tutte le regioni a rischio alto. Tra le misure allo studio del governo c'è anche la possibilità di riaprire i musei nelle regioni in area gialla.

Dai blog