Cerca

Arte sacra

Da domani a Milano la mostra su “La bellezza del Crocifisso” torna alla fiera “Devotio”

23 Gennaio 2020

0
Da domani a Milano  la mostra su “La bellezza del Crocifisso” torna alla fiera “Devotio”

Due giovani artisti saranno i protagonisti della mostra “La bellezza del Crocifisso”, che sarà inaugurata domani 23 gennaio a Milano presso la Galleria San Fedele (via Ulrico Hoepli 3a/b, ore 18.30) e che si concluderà il prossimo 15 febbraio. L’iniziativa rientra nel progetto “Percorsi di riavvicinamento: artisti contemporanei a confronto con il mistero cristiano”, promosso dal Comitato scientifico della fiera internazionale per il mondo religioso “Devotio”, allo scopo di colmare il divario comunicativo che si è creato tra arte e fede nel Novecento. Le due opere – “Dal legno oscuro” del genovese Luca Pianella e “Dono” dell’iraniana Saba Masoumian – sono state premiate ed esposte per la prima volta a Bologna nel febbraio dello scorso anno in occasione di “Devotio 2019”. Ora, a partire da Milano, inizieranno un tour espositivo che le porterà anche al Museo diocesano di Reggio Calabria (28 febbraio-15 aprile), al Museo diocesano di Faenza (18 aprile-16 maggio) e infine al Santuario francescano de La Verna (28 giugno-17 settembre). Dopo queste mostre, le due opere saranno donate ed esposte in chiese o luoghi di culto.

 

Per approfondire leggi anche:  A Roma un Presepe Vivente

 

 

La realizzazione delle due opere è stata accompagnata da alcuni momenti di incontro e di confronto, coordinati da due noti esperti in arte sacra:Andrea Dall’Asta, direttore della Galleria San Fedele di Milano e della Raccolta Lercaro di Bologna, e Claudia Manenti, direttore del Centro Studi “Dies Domini” della Fondazione Lercaro e coordinatore del Comitato scientifico di “Devotio”. L’opera “Dal legno oscuro” di Luca Pianella è una riflessione sul “Christus Patiens”. Realizzata su carta, muta a seconda dell’orientamento della luce e della posizione dell’osservatore, grazie ad una differenziata modalità di tracciare la grafite. Un’alternanza di campiture luminose e oscure, che creano un incisivo effetto simbolico che va oltre la semplice rappresentazione della figura. Saba Masoumian ha realizzato invece l’altorilievo “Dono”, partendo da una lastra di polistirolo che poi ha ricoperto di colori e di mosaici, creando una scena altamente poetica. Evocando antiche rappresentazioni di sapore paleocristiano, senza nascondere alcune suggestioni orientali, la sua attenzione si è concentrata sulle piaghe di Cristo, da cui esce sangue abbondante sotto forma di piccolissimi semi, di cui si nutrono alcuni piccoli uccelli in volo: il sangue di Cristo si fa così seme di vita per i fedeli.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Coronavirus, controlli a Casalpusterlengo: ritardi nei treni a Milano

Coronavirus, Beppe Sala: "Rispettate le regole e niente corse ai supermercati per accaparrarsi cibo"
Coronavirus, Franco Bechis contro Giuseppe Conte & Co: "Cosa diceva il premier, chi sono i veri sciacalli"
Coronavirus, la risposta dei ragazzi veneti alla giornalista: "Paura? No, noi abbiamo l'alcol. Ci proteggerà"

media