Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Periscopio, gli appuntamenti vip della settimana

Esplora:

Ivan Rota
  • a
  • a
  • a

Da Mani In Pasta a Milano, davanti a una pizza meravigliosa ho cenato con Daiano-Claudio; chitarra in mano, davanti a una pizza e a un calice di vino, mi ha raccontato alcuni aneddoti della sua vita. Autore di brani meravigliosi, scritti per cantanti che hanno segnato la storia della musica, si è allontanato dal piccolo schermo, ma ultimamente un episodio gli ha fatto pensare che dovrebbe dire la sua in alcuni salotti tv.“Ho scritto Sei bellissima nel 74; al Vecchio Quattrocento di Milano incontrai una ragazza che mi chiese di scrivere per Lei una canzone. Fui ispirato dalla bellezza, non solo di quella donna, ma di tutte le donne. Quel testo era proprio Sei Bellissima. Portai la canzone da Mimì e lei mi disse...."perché non la dai a mia sorella?”Loredana Bertè fece il provino, che divento' subito il disco. Sono rimasto perplesso leggendo nel suo libro il suo racconto. Loredana, infatti, dice che dopo una vita difficile una canzone cambio' la sua vita, ma non essendo iscritta alla SIAE, la fece firmare da Daiano". Conferenza stampa per Artissima che nel 2018 celebra il suo venticinquesimo anniversario. Diretta per il secondo anno da Ilaria Bonacossa, inaugurerà giovedì 1 novembre, e aprirà le porte ai suoi oltre 50.000 visitatori da venerdì 2 a domenica 4 novembre all'OVAL di Torino.Riconosciuta a livello internazionale per l'attenzione alle pratiche sperimentali e come trampolino di lancio per artisti emergenti e gallerie di ricerca, Artissima è un appuntamento unico, che attrae ogni anno un pubblico di collezionisti, professionisti del settore e appassionati. La fiera, la sola in Italia dedicata esclusivamente al contemporaneo, si riconferma come la preferita da curatori, direttori di istituzioni e fondazioni d'arte e patron di musei provenienti da tutto il mondo, coinvolti a vario titolo nei progetti di Artissima. E tanto altro ancora. Da Mani In Pasta a Milano, davanti a una pizza meravigliosa ho cenato con Daiano-Claudio; chitarra in mano, davanti a una pizza e a un calice di vino, mi ha raccontato alcuni aneddoti della sua vita. Autore di brani meravigliosi, scritti per cantanti che hanno segnato la storia della musica, si è allontanato dal piccolo schermo, ma ultimamente un episodio gli ha fatto pensare che dovrebbe dire la sua in alcuni salotti tv.“Ho scritto Sei bellissima nel 74; al Vecchio Quattrocento di Milano incontrai una ragazza che mi chiese di scrivere per Lei una canzone. Fui ispirato dalla bellezza, non solo di quella donna, ma di tutte le donne. Quel testo era proprio Sei Bellissima. Portai la canzone da Mimì e lei mi disse...."perché non la dai a mia sorella?”Loredana Bertè fece il provino, che divento' subito il disco. Sono rimasto perplesso leggendo nel suo libro il suo racconto. Loredana, infatti, dice che dopo una vita difficile una canzone cambio' la sua vita, ma non essendo iscritta alla SIAE, la fece firmare da Daiano. Nella foto Claudio Daiano con Renato Zero. Beyoncé indossa Messika non solo sul palco ma anche nella vita privata. Valerié Messika ha creato per lei degli orecchini 'Tailor Made'. Valerié Messika, fondatrice e direttrice creativa della Maison di gioelli, ha creato per la splendida regina del R'n'B un gioiello esclusivo. Realizzati nell'atelier di Alta Gioielleria della Maison a Parigi, gli orecchini a cerchio XL Beyoncé hanno i 3 diamanti mobili icona della collezione Move, i quali simboleggiano i tre figli avuti con J Zay. Si è svolta al Teatro Greco di Taormina la 2^ edizione dei Nations Award organizzati da Tiziana Rocca. Crystal Couture Milan ha realizzato i premi scultura di cristallo. Tra i premiati Claudia Cardinale (nella foto con Paola Boscolo di Crystal Couture Milan. A Los Angeles, in occasione degli annuali Espys, l'attrice Alison Brie ha indossato un abito lungo color cipria impreziosito da micro paillettes con spacco profondo della collezione Vivienne Westwood Couture. Artissima nel 2018 celebra il suo venticinquesimo anniversario. Diretta per il secondo anno da Ilaria Bonacossa, inaugurerà giovedì 1 novembre, e aprirà le porte ai suoi oltre 50.000 visitatori da venerdì 2 a domenica 4 novembre all'OVAL di Torino. Riconosciuta a livello internazionale per l'attenzione alle pratiche sperimentali e come trampolino di lancio per artisti emergenti e gallerie di ricerca, Artissima è un appuntamento unico, che attrae ogni anno un pubblico di collezionisti, professionisti del settore e appassionati. La fiera, la sola in Italia dedicata esclusivamente al contemporaneo, si riconferma come la preferita da curatori, direttori di istituzioni e fondazioni d'arte e patron di musei provenienti da tutto il mondo, coinvolti a vario titolo nei progetti di Artissima. I lfil rouge della venticinquesima edizione sarà “il tempo” (Time is on our side– Il tempo è dalla nostra parte) inteso non come statica cristallizzazione del ricordo e della celebrazione, ma proposto come flusso dinamico, in grado di imprimere il ritmo del cambiamento, preservando la sospensione temporale dell'emozione dell'opera d'arte.Il “tempo” di Artissima assume quindi una duplice valenza, quella di un passato eloquente e quella di un futuro aperto all'indagine creativa: la fiera parte infatti sempre dalla propria storia e dalla propria identità – segnata dalla coerenza di un percorso volto al rinnovamento e alla sperimentazione costante ma sempre capace di mantenere viva la propria riconoscibilità – per partecipare alla costruzione della futura storia dell'arte.La vitalità di Artissima e la sua forza innovatrice si riverberano ulteriormente su tutta la città, grazie alla collaborazione attiva con numerose istituzioni pubbliche, musei, fondazioni, gallerie e di riflesso, con i progetti culturali del territorio.La fiera riafferma così la propria forza dinamica contribuendo alla crescita del mercato italiano, stimolando e sostenendo il collezionismo attento alla ricerca e una visione critica e curatoriale in continua evoluzione. La fiera è gestita da Artissima srl, società che afferisce alla Fondazione Torino Musei. Dopo aver conquistato la Pole Position, Dubai Police vince Gara 1 del Grand Prix d'Italia UIM XCAT promosso in partnership con Baia Blu d'Oriente e Alisports.com e valevole come seconda tappa del campionato UIM XCAT. L'imbarcazione guidata da Arif Al Zaffain e Nadir Bin Hendi ha mantenuto il comando per tutta la gara, davanti ad uno scenario di pubblico incredibile e numeroso. Un pomeriggio sicuramente entusiasmante per i tanti appassionati di sport, che hanno potuto seguire da vicino le imbarcazioni che sfrecciavano sul Lago Maggiore per 55,43 miglia.Seconda posizione per Abu Dhabi 4 (Shaun Torrente e Faleh Al Mansoori), mentre 222 Offshore (Giovanni Carpitella e Darren Nicholson) si è classificato in terza posizione. A seguire The Blue Roo (Pal Virik Nilsen e Jan Trygve Braaten), Abu Dhabi 5 (Rashid Al Tayer e Majed Al Mansoori), Yacht Club Como (Serafino Barlesi e Alessandro Barone), Ribot (Alfredo Amato e Daniele Martignoni), Venus Bali (Andrea Comello e Nico Caldarola), Kuwait (Abdullatif Al Omani e Moustafa Al Dashti) e HPI Racing Team (Francois Pinelli e Rosario Schiano).Appena sceso dalla barca, Giovanni Carpitella del team 222 Offshore si è detto entusiasta del terzo posto: “E' stata una gara dura e non era facile recuperare quattro posizioni, ma abbiamo una barca molto competitiva ed oggi abbiamo ottenuto un risultato importante. Stresa è un posto fantastico, con uno scenario naturale incredibile, degno di una competizione mondiale. Bene ha fatto la UIM a sceglierla come location per una prova del Mondiale”.Raffaele Chiulli – Presidente UIM che ha premiato i primi tre classificati insieme a Vincenzo Iaconianni (Presidente FIM) e a Giuseppe Bottini (Sindaco di Stresa) La sera, poi, si è tenuto l'evento “Premio Regina Palace Hotel -Anna Magnani – per i 110 dalla nascita”, che ha celebrato i 110 anni dalla nascita dell'attrice romana e dell'hotel stresiano.Alla serata hanno preso parte Andrea Padulazzi (direttore del Regina Palace Hotel), Raffaele Chiulli (Presidente UIM) e l'attrice Tosca D'Aquino. Dopo aver conquistato la Pole Position, Dubai Police vince Gara 1 del Grand Prix d'Italia UIM XCAT promosso in partnership con Baia Blu d'Oriente e Alisports.com e valevole come seconda tappa del campionato UIM XCAT. L'imbarcazione guidata da Arif Al Zaffain e Nadir Bin Hendi ha mantenuto il comando per tutta la gara, davanti ad uno scenario di pubblico incredibile e numeroso. Un pomeriggio sicuramente entusiasmante per i tanti appassionati di sport, che hanno potuto seguire da vicino le imbarcazioni che sfrecciavano sul Lago Maggiore per 55,43 miglia.Seconda posizione per Abu Dhabi 4 (Shaun Torrente e Faleh Al Mansoori), mentre 222 Offshore (Giovanni Carpitella e Darren Nicholson) si è classificato in terza posizione. A seguire The Blue Roo (Pal Virik Nilsen e Jan Trygve Braaten), Abu Dhabi 5 (Rashid Al Tayer e Majed Al Mansoori), Yacht Club Como (Serafino Barlesi e Alessandro Barone), Ribot (Alfredo Amato e Daniele Martignoni), Venus Bali (Andrea Comello e Nico Caldarola), Kuwait (Abdullatif Al Omani e Moustafa Al Dashti) e HPI Racing Team (Francois Pinelli e Rosario Schiano).Appena sceso dalla barca, Giovanni Carpitella del team 222 Offshore si è detto entusiasta del terzo posto: “E' stata una gara dura e non era facile recuperare quattro posizioni, ma abbiamo una barca molto competitiva ed oggi abbiamo ottenuto un risultato importante. Stresa è un posto fantastico, con uno scenario naturale incredibile, degno di una competizione mondiale. Bene ha fatto la UIM a sceglierla come location per una prova del Mondiale”.Raffaele Chiulli – Presidente UIM che ha premiato i primi tre classificati insieme a Vincenzo Iaconianni (Presidente FIM) e a Giuseppe Bottini (Sindaco di Stresa) La sera, poi, si è tenuto l'evento “Premio Regina Palace Hotel -Anna Magnani – per i 110 dalla nascita”, che ha celebrato i 110 anni dalla nascita dell'attrice romana e dell'hotel stresiano.Alla serata hanno preso parte Andrea Padulazzi (direttore del Regina Palace Hotel), Raffaele Chiulli (Presidente UIM) e l'attrice Tosca D'Aquino. Sarà il giornalista, regista e autore radiotelevisivo Nino Graziano Luca a condurre la XV edizione del Premio Letterario “Giuseppe Tomasi di Lampedusa”, sabato 4 agosto alle ore 21 in Piazza Matteotti. Accanto a lui l'attrice e conduttrice Roberta Giarrusso. Tra gli ospiti della serata Giancarlo Giannini e Noemi.A vincere quest'anno il premio letterario è lo scrittore Fernando Aramburu per il romanzo “Patria” (Guanda Editore). A sessant'anni dalla prima pubblicazione de Il Gattopardo, Santa Margherita di Belìce con a capo il Sindaco l'Avv. Francesco Valenti e l'Assessore Rosanna Scarpinata, si prepara ad accogliere lo scrittore basco e nomi importanti del panorama italiano, volti noti del cinema, della televisione e della musica. Sul palco della città agrigentina, cara a Tomasi di Lampedusa, la cantante Noemi, una delle voci più graffianti e intense del panorama musicale italiano, con all'attivo 6 album e collaborazioni di rilievo (tra cui Vasco Rossi, Gaetano Curreri, Fiorella Mannoia). L'artista, attualmente impegnata nelle principali città italiane nella promozione del suo ultimo album La Luna (Sony Music), contenente il brano “Non smettere mai di cercarmi”, con cui ha partecipato alla 68° edizione del Festival di Sanremo, interpreterà alcuni dei suoi brani più famosi.Ospite d'onore l'attore Giancarlo Giannini che leggerà alcuni passi tratti dal romanzo Il Gattopardo. L'attore che con la Sicilia ha un legame assai profondo, nella nostra isola girò nel 1972 uno dei suoi film più noti “Mimì metallurgico ferito nell'onore” diretto da Lina Wertmuller.La direzione artistica della serata è di Onorio Abruzzo. Il nuovo singolo di Matteo Borghi è "Vivo la Vida", un brano pop latino, una canzone reggaeton dal sound internazionale. "Vivo la Vida" è cantata in spagnolo, una lingua molto cara all'artista. Parte della sua carriera, infatti Matteo Borghi l'ha vissuta nei paesi latino americani, dove ha incontrato il produttore Kike Santader. A Miami, città in cui forse si parla più spagnolo che inglese, ha invece condiviso il palco con Enrique Iglesias. ""Vivo la Vida" rappresenta la mia passione per il mondo musicale ispanico latino, quel modo di comunicare giocoso e aperto", racconta Matteo Borghi. Il brano è stato composto da Borghi insieme ai fratelli Giordano e Graziano Tittarelli di Astralmusic e a Max Persona che ha collaborato anche alla produzione artistica e al mix. Il testo è nato da un'idea di Paolo Antonelli ed è firmato dall'artista uruguaiana Daiana Pamela Acosta e da Borghi. Il video è infine stato girato in una delle discoteche più famose d'Italia, lo Shada di Civitanova Marche. Il brano è stato pubblicato sui portali musicali poche ore fa ed è disponibile il video ufficiale su YouTube.Matteo Borghi vive di musica, sul palco, fin da quando aveva appena 19 anni. Nella sua carriera è stato ingaggiato da una superstar come Enrique Iglesias, ha collaborato con produttori di hit mondiali come Emilio Estefan ed Kike Santander, ha diviso il palco in tv con Giorgio Panariello e si è esibito come solista per la famiglia reale Al Thani. E' un entertainer di livello assoluto, e non solo. Perché chi sa cantare come un madrelingua in sei lingue diverse, compreso l'arabo e ha vissuto in tanti continenti, quando è sul palco sa davvero come far emozionare il pubblico con la sua voce. Il suo repertorio è un viaggio nella musica che spazia dal genere latino, a cui è molto legato, alle melodie della tradizione araba. Nelle sue performance tocca quasi cento anni di musica, partendo dagli autori della bella melodia italiana degli anni '60 e '70, fino ai grandi successi internazionali… ma tutto questo a Matteo non basta più. Sta lavorando ad un album di canzoni originali in uscita entro la fine del 2018. "Incontriamoci" I Edizione .Quando l'Arte e la Cultura incontrano il mondo.Dialogo attorno all'Intercultura: capirsi nella Diversità attraverso il Confronto.S.E. l'Ambasciatore della Repubblica dell'Iraq c/o la Santa Sede, Omer Ahmed Karim Berzinji, già candidato al Premio Nobel, ha onorato la Città di Anzio di una visita ufficiale per portare parole di pace e di amore tra i popoli, uniti e non separati dalle diverse forme artistiche e culturali.Parola chiave dell'incontro: Dialogo. L'Ambasciatore, con interprete al seguito che lo ha seguito e tradotto per tutto il tempo ( S.E. Omer Ahmed Karim Berzinji legge e parla arabo, kurdo e turco; conosce inglese, olandese e la lingua persiana) è stato accompagnato anche dal Terzo Segretario dell' Ambasciata, Dott. Mustafa Imad Mustafa. Una delegazione vera e propria, in visita ufficiale alla Città attraverso l'evento organizzato dall'Occhio dell'Arte di Lisa Bernardini e dall'artista internazionale Francesca Guidi, ed accolta dall'Assessore Gianluca Mazzi.Durante l'incontro molti gli ospiti, provenienti da ogni parte d'Italia; per la loro attività giornalistica meritoria legata all'attualità e a valori di integrazione e pace sono state premiate le giornaliste Sabrina Rosci (Labitalia - adnkronos) e Antonella Pallante (volto noto del tgr RAI). Doni a S.E. Omer Ahmed Karim Berzinji anche da parte del celebre compositore e direttore d'orchestra Franco Micalizzi, e dello sceneggiatore e scrittore Marco Tullio Barboni . Commovente il reading poetico omaggio all'evento da parte del regista e direttore di doppiaggio Giovanni Brusatori. Ha presentato la cerimonia il conduttore La 7 Anhony Peth. Le chiamavano colonne sonore. Golden 70'sGrande concerto Live a Roma per uno degli artisti italiani che ha fatto la storia delle colonne sonore cinematografiche: da Django Unchained a Lo chiamavano Trinità.Al Parco Schuster , il pubblico presente ha potuto godere di un concerto emozionante: quello del Maestro Franco Micalizzi con la sua Big Bubbling Band.Al pubblico è stata offerta la suggestiva e nostalgica alchimia di alcune delle numerose colonne sonore da lui composte e che da Quentin Tarantino a Clucher hanno segnato la storia della musica nel cinema. Uno spettacolo unico nel quale è stato evidente che alla memoria del passato si è affiancata una continua volontà di rinnovamento e adattamento a un presente in costante movimento. Tra gli ospiti illustri presenti, anche il Direttore Generale SIAE Gaetano Blandini accompagnati da Cristina Calligarini . Aveva un negozio di ferramenta storico, di famiglia, dove é cresciuto ma che ha dovuto chiudere due anni fa causa crisi economica. Ho sempre avuto creatività e fantasia e cosi.Nel frattempo ha creato in sette anni.con le sue mani Via Romana, un luogo unico,esclusivo considerato uno tra i ristoranti piu piccoli al mondo. Qui organizza cena per due,notte per due,cena e notte per due o cene per max otto ospiti. Pubblicata su molte riviste nazionali ed estere e tv sky gambero rosso. Qui conosce Stefania una creatrice di rari profumi che gli commissiona la creazione di tappi per le sue essenze.Tappi unici in ferro fatti a mano uno per uno:al momento ce ne sono 1350 in tutto il mondo. Da qui gli scatta l'idea di creare gioielli in ferro inediti,ogni pezzo è unico, una piccola opera d'arte da indossare.Poi crea lampade,oggetti e arredi con materiali di recupero,cucina,fa liquori e marmellate. Tutto questo è Mauro Carrazza: il suo regno è a Capranica.

Dai blog