Cerca

Ai domiciliari

Emilio Fede chiede la grazia a Mattarella: "Ancora mi accusano della prostituzione di due ragazze"

11 Ottobre 2019

0
Emilio Fede chiede la grazia a Mattarella: "Ancora mi accusano della prostituzione di due ragazze"

"Chiederò assolutamente la grazia al Capo dello Stato". Emilio Fede tira in ballo Sergio Mattarella dopo la condanna a 4 anni ai domiciliari "concessagli" dal Tribunale di Sorveglianza di Milano sul processo Ruby. "Ancora mi si accusa - continua l'ex direttore del Tg4, commentando la sentenza con l'agenzia AdnKronos - di essere responsabile di aver tentato di far prostituire due ragazze. Nonostante questo, non mi metto a predicare contro la giustizia. Questi domiciliari mi lasciano ampi spazi di vita e sicuramente li rispetterò". Il giudice del Tribunale di Sorveglianza ha accolto l'istanza dei legali di Fede, 88 anni, motivando i domiciliari con la "troppa sofferenza" che avrebbe comportato una detenzione in carcere. 


Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Tragedia umana e politica a Bologna, quanti sono in piazza a sentire Luigi Di Maio: sconcerto

Luigi Di Maio
Sardine, in manifestazione a Modena sono quattro gatti. Matteo Salvini li prende in giro: "Non spingete"
Vito Crimi capo M5s dopo Di Maio: "Ha studiato per anni, amico dei magistrati". Il reggente frega tutti?

media