Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Claudio Borghi contro Luigi Di Maio e compagni: "Avevamo un'occasione d'ora, ma l'abbiamo persa"

Marco Rossi
  • a
  • a
  • a

Il parlamento turco ha approvato giovedì due gennaio la mozione che autorizza l'invio di truppe in Libia a sostegno delle forze del governo di Tripoli del premier Fayez Al Sarraj, per contrastare l'attacco delle milizie del generale Khalifa Haftar.  La misura prevede un mandato di un anno per il dispiegamento delle truppe. Attorno a questa scelta è scoppiata una polemica politica. Tutto parte dall'intervista pubblicata il 23 dicembre sul Corriere della sera a Fayez Sarraj, capo del Governo di Accordo Nazionale della Libia riconosciuto dall'Onu: "Le armi dalla Turchia? Le avevamo chieste all'Italia Ma non c'è stata risposta". Per approfondire leggi anche: Claudio Borghi smaschera il governo Del voto, dopo le disattenzioni italiane, ha preso spunto il leghista Claudio Borghi che con un tweet ha criticato il lassismo della nostra politica estera sulla questione libica:"Avevamo l'occasione d'oro di recarci a difendere i nostri interessi in Libia e invece ci facciamo andare i Turchi... Ah ovviamente anche di queste cose in Parlamento (e anche su Rousseau per quello che può servire) si tace. Si ricomincerà il lavoro col MILLEPROROGHE..." Avevamo l'occasione d'oro di recarci a difendere i nostri interessi in Libia e invece ci facciamo andare i Turchi... Ah ovviamente anche di queste cose in Parlamento (e anche su Rousseau per quello che può servire) si tace. Si ricomincerà il lavoro col MILLEPROROGHE ‍♂️ pic.twitter.com/vN6l24rXDI— Claudio Borghi A. (@borghi_claudio) January 2, 2020

Dai blog