Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Antonio Maria Rinaldi contro Giuseppe Conte: "L'incontro con Haftar? Porello, pensava di giocare a tombola"

Caterina Spinelli
  • a
  • a
  • a

L'incontro di Giuseppe Conte con il generale Haftar ha mandato Antonio Maria Rinaldi su tutte le furie. Il motivo è semplice: come sottolineato anche da Matteo Salvini la situazione in Libia è delicata e normalità vuole che prima si incontri il primo ministro riconosciuto di un Paese e poi il militare dissidente. Cosa di cui, nonostante i vari avvertimenti, il nostro presidente del Consiglio si è bellamente fregato ottenendo l'annullamento del faccia a faccia da parte di Al-Sarraj (premier libico). Leggi anche: Matteo Salvini inchioda Giuseppe Conte sulla Libia: "È un pericoloso incapace, bidonato come un dilettante" Un'offesa evidente e palese sulla quale l'europarlamentare leghista ha steso, con ironia, un velo pietoso: "Conte era stato avvisato dai servizi segreti di non vedere Haftar e Al-Sarraj lo stesso giorno? Ma porello - cinguetta su Twitter - pensava che ancora stava a giocare a tombola".  Ma porello pensava che ancora stava a giocare a tombola! — Antonio M. Rinaldi (@Rinaldi_euro) January 8, 2020

Dai blog