Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Paolo Becchi contro Matteo Renzi a Porta a Porta: "Assurdo che le decisioni importanti passino dalla tv"

Caterina Spinelli
  • a
  • a
  • a

Matteo Renzi va da Bruno Vespa per parlare del futuro del governo? E Paolo Becchi inveisce. Per l'editorialista di Libero siamo alla frutta: "Non siamo più una democrazia ma una telecrazia. Le decisioni vengono comunicate durante programmi televisivi, senza nessun rispetto per le istituzioni. Il parlamento? Una farsa. Il governo? In crisi permanente. Tutto lo spettacolo per evitare la cosa più normale: il voto popolare" cinguetta al vetriolo sulla questione della prescrizione che mette Giuseppe Conte e giallorossi all'angolo. Non solo, perché il filosofo traccia un vizio della politica moderna troppo dedita al sensazionalismo, e, la presenza dell'ex premier ospite a Porta a Porta nei giorni più concitati per il governo, ne è un esempio. D'altronde ci siamo abituati, spesso e volentieri le dimissioni dei ministri arrivano prima agli internauti che ai vertici.  Non siamo più una democrazia ma una telecrazia. Le decisioni vengono comunicate durante programmi televisivi, senza nessun rispetto per le istituzioni. Il parlamento? Una farsa. Il governo? In crisi permanente. Tutto lo spettacolo per evitare la cosa più normale: il voto popolare— Paolo Becchi (@pbecchi) February 19, 2020

Dai blog