Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vittorio Colao, l'uomo che decide come riaprire l'Italia vive a Londra: "Perderei tempo con la quarantena"

  • a
  • a
  • a

Il capo della task force per la Fase 2 Vittorio Colao gestisce tutto vivendo a Londra. Lo ha ammesso lo stesso supermanager al Corriere della Sera, suscitando le ironie e lo stupore di molti. Se tornasse in patria, ha spiegato, dovrebbe stare due settimane in quarantena: "Perderei tempo". Anche se sfugge la differenza tra chiudersi in casa a Roma e farlo, invece, nella capitale inglese. Non sfugge, invece, la difficoltà per Colao di relazionarsi in maniera più diretta con le categorie che stanno vivendo sulla propria pelle le difficoltà dell'isolamento e il rischio di non riaprire mai più. 

 

 


A titolo di esempio, ecco cosa pensa di Colao Salvatore Castelluccio, parrucchiere napoletano che in passato ha combattuto contro la camorra: "A noi parrucchieri lo Stato ha dato 3 opzioni: indebitarci, fare la fame o suicidarci - ha accusato a Radio Cusano Campus -. Stare 3-4 mesi chiusi significa poi riaprire un negozio con i debiti. Hanno preso questo scienziato Colao che fa le regole, ma secondo me non va bene perché ci vuole un addetto del settore. Uno come Colao che ne sa dei parrucchieri, dei salumieri? Il problema è che Conte non è un imprenditore, ragiona in un altro modo, secondo me deve tornare a fare l'avvocato".

Dai blog