Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Myrta Merlino, la confessione a L'aria che tira: "Meglio così, sono gelosa". Come rosica quando Maria Giovanna Maglie...

  • a
  • a
  • a

“Hai cambiato location, ammazza che seggiolone meraviglioso”. A Myrta Merlino è caduto l’occhio sul contorno del collegamento di Maria Giovanna Maglie, che a L’aria che tira è apparsa seduta su una sorta di trono. “Il giardino oggi è occupato”, ha esclamato la giornalista, con la conduttrice di La7 che si è lanciata in una battuta: “Meglio così perché ogni volta che ti vedo col giardino dietro mi ingelosisco”. 

 

 

Poi è tornata la serietà in studio, con la Merlino che ha chiesto alla Maglie se è d’accordo con Peter Gomez, secondo cui il governo di Mario Draghi si è finora caratterizzato per una forte continuità con quello di Giuseppe Conte. Con la differenza che prima tutto era oggetto di critica, mentre adesso si attende la “grande mossa”: “Il beneficio non deve essere a lungo termine - ha dichiarato la Maglie - l’unica cosa che è cambiata è la forma, visto che si parla non più di dpcm ma di decreto che passa dal Parlamento. Questo mi consola, ci tengo alla forma che era diventata un abuso di sostanza”. 

 

 

Il discorso si è inoltre spostato sui vaccini e sugli accordi firmati a scatola chiusa che hanno fatto sì che l’Italia sia molto indietro con la campagna: “Abbiamo avuto un arrivo iniziale di vaccini e poi ci siamo fermati. Noi dobbiamo avere qui strutture che possono occuparsi della fase finale della produzione. Inoltre dobbiamo individuare in maniera molto seria chi deve avere per primo il siero: io nominerei i malati oncologici, che sono stati ignobilmente trascurati nell’ultimo anno, e il cosiddetto terzo settore che deve essere vaccinato come gli operatori sanitari”. 

 

 

Dai blog