Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sondaggio Ipsos, la Lega fa il botto: al Nord è al 48% mentre al Sud va oltre il 22%

Caterina Spinelli
  • a
  • a
  • a

I malumori provenienti dal Nord contro il governo gialloverde, in particolare contro il decreto dignità e la manovra, sembrano aver colpito soltanto il Movimento 5 Stelle e lasciato la Lega quasi immune. Infatti, secondo un sondaggio Ipsos per il Corriere della Sera, il Carroccio è riuscito ad aumentare i propri sostenitori anche nel Mezzogiorno, dove cresce e si attesta tra il 22 e il 25%, un balzo di 16 punti percentuali rispetto alle ultime elezioni. "Di fatto la Lega - sottolinea Luca Comodo, direttore della divisione politico sociale di Ipsos - al Sud sta cannibalizzando Forza Italia, il cui elettorato si sta spostando in misura rilevante verso il partito di Salvini". Questo però non basta per superare il Movimento 5 Stelle, che tiene ben stretto il suo primato nel Meridione. Nonostante il lieve calo del Centro-Sud (-2,9) e delle Isole (-0,7), in queste due aree i grillini si attestano comunque oltre il 40%.  Leggi anche: Ecco gli effetti della manovra sulla Lega Il Carroccio, invece, riesce a mantenere il primato nel Nord-Est, sfiorando il 48,4% dei consensi, guadagnando ben 19 punti percentuali rispetto al 4 marzo. Nella stessa area il Movimento 5 Stelle perde 6,8 punti arrivando a toccare il suo minino, ossia il 17%. Stessa sorte tocca al Nord-Ovest, dove il Carroccio si aggiudica il 43,2% (+17,5 rispetto al 4 marzo), staccando il 17,6% dei grillini, che perdono 6 punti dalle Politiche. Leggi anche: I sondaggi di Mentana sembrano poco veritieri Il motivo? "La Lega in qualche modo manifesta un atteggiamento più moderato -  continua Comodo - non soltanto con alcuni esponenti di governo, ma anche con esponenti del territorio che si discostano dai toni più radicali di Salvini e Di Maio". "Una tesi, questa, avvalorata anche dal sostegno da parte del presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia e dei ceti imprenditoriali e produttivi del Nord, che continuano a vedere nella Lega un punto di riferimento, oltre a una rete di relazioni, a livello territoriale, che il Movimento non ha". Leggi anche: Europee, la Lega si libera del Movimento Comodo poi commenta il risultato dei pentastellati che hanno perso punti ovunque: "I grillini pagano la gestione della vicenda Genova e i giudizi negativi, al Nord, sul reddito di cittadinanza. Mentre la Lega riesce invece a incassare, in termini di consenso, gli utili della quota 100, la norma sulle pensioni, insomma un tema molto sentito al Nord, dove sono presenti in maniera rilevante carriere continuative di lungo periodo". 

Dai blog