Cerca

Lo scenario

Luigi Bisignani, perché Matteo Salvini non fa ancora cadere il governo: l'incognita è Sergio Mattarella

18 Novembre 2018

6
Luigi Bisignani, perché Matteo Salvini non fa ancora cadere il governo: l'incognita è Sergio Mattarella

A guardare la pioggia di consensi che sta piovendo sulla testa di Matteo Salvini da settimane a questa parte, ci si potrebbe chiedere per quale motivo il leader della Lega non abbia già deciso di far saltare il banco e creare le condizioni per le elezioni anticipate. Luigi Bisignani sul Tempo spiega però che per il ministro dell'Interno il periodo in corso non è tutto rose e fiori. Con l'inverno sta arrivando una stagione politica nella quale è l'economia a condizionare gli umori e quindi le fluttuazioni nei sondaggi. E le cifre dell'economia italiana non sono proprio quelle che farebbero dormire sonni tranquilli a chi governa il Paese.

Numeri alla mano, il governo deve fare i conti con la riduzione di esportazioni e importazioni, degli ordinativi e della produzione industriale. Senza tralasciare il documento riservato della Bce, circolato tra palazzo Chigi e ministero dell'Economia e delle Finanze, che ha messo in guardia come lo spread oltre i 500 punti per più di una settimana "rischia di mettere in enorme difficoltà anche le più solide banche italiane, compresa la corazzata Banca Intesa". E infine c'è la mannaia della procedura di infrazione della Commissione europea che pende sulla testa del governo, alle prese con quotidiane crisi isteriche ora sulla giustizia, ora sui termovalorizzatori.

Le incognite per Salvini non sono poche, non solo dentro casa nel centrodestra, ma soprattutto con Sergio Mattarella. Nel governo è già pronto un possibile rimpasto, alla prossima gaffe sfornata dai soliti Danilo Toninelli e Giulia Grillo, ma secondo Bisignani rischia anche il sottosegretario Giancarlo Giorgetti, sempre più esasperato a dove trattare con interlocutori improvvisati, che sia Giovanni Tria o che sia Elisabetta Trenta.

Il dubbio resta se a Mattarella possa bastare un semplice rimpasto, se preferisca sciogliere le Camere o addirittura giocare la carta di una maggioranza M5s-Pd come tanti suoi fidati consiglieri gli suggeriscono.

I rischi per Salvini di ritrovarsi con un pugno di mosche in mano sono alti, le prossime mosse del leghista saranno decisive secondo Bisignani, anche perché potrebbe avere l'occasione di portare il centrodestra al 40%, facendo anche rientrare in Parlamento Silvio Berlusconi, almeno prima "che Forza Italia e il Cav non evaporino del tutto".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Vittori0

    18 Novembre 2018 - 19:07

    ..se la LEGA vuole ritornare al 3% ...non deve fare altro che ABBATTERE QUESTO GOVERNO ..!!

    Report

    Rispondi

  • rossini1904

    18 Novembre 2018 - 19:07

    Caro Salvini, non ti fidare di un ex democristiano come Mattarella. Ricordati come Scalfaro, democristianone anche lui, fregò Silvio Berlusconi quando cade il suo primo governo. Lo convinse a non insistere per andare a nuove elezioni promettendogli che Dini sarebbe rimasto a fare il presidente del consiglio solo per qualche mese. Poi quel governo durò un anno e 4 mesi.

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    18 Novembre 2018 - 17:05

    Scalfaro, Ciampi, Napolitano e Mattarella, una perniciosa quaterna che, con un colpo di Stato dopo l’altro, hanno finito col distruggere la povera Italia

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Cerciello Rega, cocaina e pistole nei video dei due americani: eccessi di ogni tipo

Salvini fuori dalla maggioranza? Mattarella battezza i rapporti con la Germania: "Livelli di eccellenza"
Beatrice Lorenzin entra nel Pd: "L'unico modo per arginare Salvini, il centrodestra non esiste più"
Immigrati, il presidente tedesco Steinmeier a Mattarella: "Onore dei rimpatri all'Ue"

media