Cerca

L'ombra sull'Italia

Matteo Salvini, il giudizio a freddo sul vertice Conte-Juncker: "Cerchiamo di evitarlo", dolorosa ammissione

13 Dicembre 2018

0
Matteo Salvini, il giudizio a freddo sul vertice Conte-Juncker: "Cerchiamo di evitarlo", dolorosa ammissione

Dopo la "resa" di Giuseppe Conte con Jean-Claude Juncker la palla passa a Matteo Salvini e Luigi Di Maio. Saranno i due vicepremier a dover spiegare agli elettori di Lega e M5s i motivi di un'eventuale sforbiciata alle rispettive misure bandiera previste in manovra, quota 100 e reddito di cittadinanza, a rischio visto il taglio di 6 miliardi di risorse in cui si traduce la riduzione del deficit dal 2,4% al 2% promessa dal premier alla Commissione Ue.

Di Maio, quello che per settimane ha risposto a muso duro alle minacce di Bruxelles e che più si è esposto, tace. Salvini, poco dopo la fine del vertice tra Conte e Bruxelles, ha invece scelto Twitter per spiegare la propria posizione: "Ancora al lavoro per gli italiani, per mantenere gli impegni presi cercando di evitare sanzioni e problemi con Europa e mercati". Eccoli, riassunti in tre parole, tutti gli spettri che gravano sul governo e il futuro dell'Italia. Qualcuno, in estate, lo definiva "golpe finanziario" e non ci andò molto lontano. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Ondata di caldo, Venezia tra le città più afose d'Italia

Open Arms, la portavoce Ue Mock: "Sei paesi disponibili ad accogliere i migranti"
Nadia Toffa, piazza del Duomo di Brescia celebra i funerali della conduttrice
Matteo Salvini, frecciatina a Pd e M5s: "Noi non abbiamo paura di perdere la poltrona"

media