Cerca

Il retroscena

Matteo Salvini, la mossa per ottenere la benedizione di Donald Trump e diventare premier senza Luigi Di Maio

17 Maggio 2019

0
Matteo Salvini, la mossa per ottenere la benedizione di Donald Trump e diventare premier senza Luigi Di Maio

Matteo Salvini e Luigi Di Maio sono ai ferri corti. Il vicepremier leghista sarebbe pronto alla crisi e a tornare al voto a settembre per candidarsi premier del centrodestra. A darne conferma, riporta La Repubblica in un retroscena, sarebbe la visita a Washington, del leader della Lega. Con ogni probabilità, l'8-9 giugno, quando incontrerà il vicepresidente Mike Pence. Un incontro a cui Salvini e Giancarlo Giorgetti lavorano da mesi. 

L'obiettivo è ottenere la benedizione del governo Usa targato Donald Trump. Un passo obbligato, considerando l'importanza di un appoggio americano, secondo il Carroccio, per riuscire a conquistare Palazzo Chigi senza il Movimento 5 stelle. In quest'ottica si leggono i continui incontri di Salvini con l'ambasciatore americano a Roma e l'operazione diplomatica di Giorgetti con diversi esponenti dell'amministrazione americana.

Insomma, Salvini che si sente sotto assedio è ormai pronto ad ascoltare il consiglio del sottosegretario leghista alla presidenza del Consiglio che da tempo gli suggerisce di rompere con Di Maio e tornare alle urne a settembre. Il punto è come e su cosa rompere. Di solito infatti chi rompe paga in termini di perdita di consenso. Tant'è. La rottura più probabile potrebbe essere sulla flat tax. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media