Cerca

Sacre stanze

Nicola Zingaretti, la promessa a Matteo Salvini: nessun governicchio. Bomba di Claudio Cerasa

9 Agosto 2019

4
Matteo Salvini, Nicola Zingaretti

Il rischio di questa crisi di governo, come è noto, è che Sergio Mattarella si metta di traverso. Scontato, infatti, un tentativo del capo dello Stato di trovare una nuova maggioranza, magari tra Pd e M5s. Operazione che però ha pochissime possibilità di successo, nonostante i numerosi abboccamenti tra le due forze politiche. Sarebbe un suicidio: sia per il Pd sia per quel che resta del M5s. E sarebbe infatti un caso che Matteo Salvini la crisi di governo la abbia aperta davvero, nonostante questo pericolo incombente. E una chiave di lettura circa quanto accaduto la offre Claudio Cerasa, il direttore de Il Foglio, in un retroscena pubblicato nell'edizione del quotidiano di oggi, venerdì 9 agosto.

Snodo decisivo, sarebbe stato un contatto tra il leader della Lega e quello del Pd, Nicola Zingaretti. Non si parla del voto all'unisono sulla Tav, previsto e palese in aula al Senato. "Oltre alla Tav - scrive Cerasa - c'è di più e c'è una rassicurazione, di cui Il Foglio ha avuto conferma, offerta dal leader del Pd al leader della Lega: Matteo, se il governo cade garantisco che il Pd non appoggerà nessun altro governo". Questo quanto avrebbe detto Zingaretti a Salvini, intenzioni confermate dalle primissime dichiarazioni del piddino dopo l'apertura della crisi.

Perché mai Zingaretti sarebbe favorevole ad andare subito al voto, nonostante una sconfitta quasi certa e un probabile botto della Lega? Sempre secondo Cerasa, il voto anticipato darebbe la possibilità a quello che oggi è il primo partito di opposizione, ovvero il Pd, "di far leva su una scommessa difficile ma non impossibile: sfruttare il collasso del Movimento 5 Stelle per tentare la carta del nuovo bipolarismo e affermarsi, in assenza di una destra non truce, come alternativa unica al partito della protesta". Ricostruzione molto più che verosimile, soprattutto alla luce del fatto che un governicchio Pd-M5s, senza passare dal voto, con assoluta probabilità per i piddini si tradurrebbe in un nuovo crollo in termine di consensi.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • agosvac

    09 Agosto 2019 - 16:04

    Se Zingaretti avesse assicurato a Salvini che si sarebbe opposto ad un Governo con i 5 stelle, fortemente voluto da Mattarella, dimostrerebbe finalmente di essere un vero uomo politico. Meglio avere un 20/25% dopo le elezioni che andare con i 5 stelle e perdere quel che hanno attualmente. Fare un'opposizione seria e costruttiva non è disdicevole, anzi in una democrazia sarebbe la ben venuta.

    Report

    Rispondi

  • BledLake

    09 Agosto 2019 - 15:03

    caro moderatore, poi mi farai sapere che criteri utilizzi per censurare o meno i commenti, sperando in una minima conoscenza della lingua italiana eh..!

    Report

    Rispondi

  • lattaro1939

    09 Agosto 2019 - 15:03

    salvini non ti fidare delle promesse provenienti dalla sinistra. Questi signori ci vilmente tutte brave persone, politicamente sono bugiardi ma sempre in buona fede senza cattiveria

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

"Non è normale che sia normale”, la campagna di sensibilizzazione della Carfagna è già diventata una canzone

Donald Tusk: "La Lega nel Ppe? Ho molta immaginazione ma ci sono dei limiti"
Mes, Matteo Salvini smaschera il patto: "Salvare le banche, sì. Quelle tedesche e francesi"
Giuseppe Conte e il "sovranismo da operetta". Cosa diceva qualche mese fa

media