Cerca

Il retroscena

Matteo Renzi, via ai nuovi gruppi parlamentari "per dettare l'agenda di governo"

16 Settembre 2019

4
Matteo Renzi, via ai nuovi gruppi parlamentari "per dettare l'agenda di governo"

"Dobbiamo tornare a dettare l'agenda e a sfidare il Movimento 5 stelle su tutto. Dall'immigrazione alla Rai". A sentire il renziano Michele Anzaldi, la scissione di Matteo Renzi sarà tutt'altro che morbida e indolore. "Sono disperato perché ho un problema nel mio partito. Un nuovo gruppo invece può spingere l'esecutivo a fare più cose, a tenere Di Maio sulla corda per andare avanti", dice ancora, secondo quanto riporta La Repubblica.

Ma un nuovo partito non sarebbe un bene secondo Pier Ferdinando Casini che è tra quelli che dietro le quinte più parlano con l'ex premier, porterebbe solo a una destabilizzazione. "Per un'esperienza che è appena partita non è il massimo", spiega il senatore.

Lorenzo Guerini, renziano, nominato ministro della Difesa, non condivide la scelta e si terrà fuori. Ma ha la sensazione che ormai la "nave sia salpata" e l'unico modo per evitare lo strappo sia scegliere la renzianissima Maria Elena Boschi per la carica di presidente del Pd. "Democraticamente la vedrei come una scelta giusta", commenta Anzaldi. 

I tempi però sono stretti considerando che la scissione avverrà ben prima della Leopolda. Già domani 17 settembre, infatti, potrebbero nascere i gruppi parlamentari autonomi alla Camera e come sottogruppo nel Misto al Senato. Renzi punterebbe a un movimento che faccia da terza colonna del Conte bis e che si ponga in un'area moderata rispetto a un Pd sempre più a sinistra. Non solo. Come nota Casini la scissione si fa per un motivo, per esempio per avere le mani libere e decidere se e quando togliere la fiducia al governo giallo-rosso. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gigi0000

    16 Settembre 2019 - 15:03

    Qualcuno, stravolgendo la sacralità storica di ideologie diverse, se non avverse, per motivi discutibili, ha ritenuto opportuno riversare la DC ed altri partiti di centro, nel calderone DS, ove magari solo i socialisti avrebbero potuto stare. Diavolo e acqua santa? Dopo più di 3 lustri sembrerebbe di sì. Scissione sbagliata? Forse, ma il centro, ormai inesistente deve essere ricostituito.

    Report

    Rispondi

  • greppio

    16 Settembre 2019 - 13:01

    Ma il PD detterà per forza l'agenda di Governo...si è accaparrato tutti i ministeri che contano...Al M5s sono rimastre in mano le briciole.

    Report

    Rispondi

  • tindaro_2003

    16 Settembre 2019 - 12:12

    Povero giuseppi, e poveri grillini. il piatto e' servito !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media