Cerca

russiagate

Giuseppe Conte, il sospetto dei Cinque Stelle: "È nervoso in vista dell'audizione al Copasir"

21 Ottobre 2019

1
Giuseppe Conte, il sospetto dei Cinque Stelle: "È nervoso in vista dell'audizione al Copasir"

Tra Luigi Di Maio e Giuseppe Conte persiste il braccio di ferro e la manovra sembra solo un pretesto. Sono in molti all'interno del Movimento 5 Stelle a pensare che il premier "non sia affatto riconoscente". D'altronde il bis al governo è stato fortemente voluto proprio dal capo politico grillino. "Nel 2018 abbracciava Luigi la notte delle elezioni, adesso gioca, mal consigliato, con i nostri gruppi parlamentari per dividerci" rivelano fonti pentastellate. A farne le spese il portavoce di Conte, Rocco Casalino, cancellato dalla chat interna dei ministri M5S dove Di Maio - rivela Il Messaggero - ha condiviso lo sfogo, trovando una sponda in Vincenzo Spadafora. 

Lo scontro ormai è insuperabile al punto che dai vertici del Movimento fanno notare una strana coincidenza: "Conte è nervoso in vista dell'audizione di mercoledì al Copasir, ha paura delle reazioni degli Usa sul Russia-gate e della relazione di Barr, il ministro della Giustizia di Trump". Tutte personalità le cui relazioni hanno aiutato il premier a essere nominato a Palazzo Chigi. Senza quelle, chissà dove andrà a finire. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gig50

    21 Ottobre 2019 - 15:03

    Il nervosismo è dettato dal fatto che è consapevole che presto tornerà a non contare nulla... nel caso fosse contato qualcosa.

    Report

    Rispondi

Open Arms, il video propaganda dopo l'indagine contro Matteo Salvini

Giuseppe Conte
Venezia, ecco come sarà il Mose una volta completato: immagini sorprendenti
Salvini ironizza su Zingaretti: "Dopo la riproposta dello Ius soli si è preso i 'vaffa' pure dagli alleati"

media