Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Carlo Nordio boccia Bonafede e il carcere per gli evasori: "Riforma disastrosa, perché non servirà a nulla"

Cristina Agostini
  • a
  • a
  • a

La sua è una bocciatura totale. Perché la riforma del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, che prevede il carcere per chi evade oltre 100mila euro, sarà "un disastro". Secondo Carlo Nordio "non produrrà effetti nella lotta all'evasione e al contempo ingolferà i tribunali". L'ex procuratore aggiunto di Venezia, in una intervista a ItaliaOggi sostiene poi che "in un sistema penale sfasciato come il nostro la minaccia della pena non intimidisce nessuno". Insomma, non servirà a nulla. "Questi reati sono di difficile accertamento", e poi, "ci saranno contestazioni e ricorsi, lunghi e complessi, dei quali il giudice penale dovrà pure tener conto prima di irrogare una pena. Passeranno anni, e gli evasori veri se la rideranno". Spiega ancora Nordio: "L'entità dell'evasione, se si vuole irrogare una pena, è accertata esclusivamente dal giudice penale, e deve esserlo con sentenza definitiva, cioè in Cassazione, vari anni dopo l'ispezione della Guardia di finanza o l'accertamento dell'Ufficio Imposte. Per questo il carcere, così futuro e incerto, è assolutamente inutile. Quanto al carico degli uffici giudiziari evidentemente il ministro non è informato. E gli organici, già insufficienti sulla carta, non sono nemmeno coperti, e con i prepensionamenti saranno ancora più sguarniti". Leggi anche: "Mi sono rotto i cogl***, questa Europa è ridicola". Evasione, lo sfogo da incorniciare del professor Rinaldi Per quanto riguarda la riforma del processo penale Bonafede "aveva subordinato la sospensione della prescrizione - che entrerà in vigore a gennaio - a una epocale riforma che avrebbe abbreviato i tempi dei processi. Di questa però non c'è traccia, salvo l'ipotesi di un decreto che pare imponga un limite alla loro durata. Cioè una riduzione dei tempi per ordine dell'Autorità, senza predisporre i mezzi per raggiungere lo scopo. Nella peggior tradizione, si manda l'esercito in Russia con le scarpe di cartone, e poi si arrangino. Speriamo che qualcuno faccia cambiare idea al ministro e al governo".  

Dai blog