Cerca

critica

Sardine, Francesco Merlo su Repubblica attacca Mattia Santori: "Sempre in tv a dire banalità"

6 Dicembre 2019

2
Sardine, Francesco Merlo su Repubblica attacca Mattia Santori: "Sempre in tv a dire banalità"

Comincia a commettere qualche errore la Sardina Mattia Santori. O forse, questa bella Sardina comincia a dare fastidio al Pd, che sembra risentirne nei sondaggi. Tant'è. Francesco Merlo, in un editoriale su La Repubblica, attacca infatti il leader del movimento, colpevole di imperversare nei talk show televisivi, e di essere andato a Un Giorno da Pecora a dire una serie di fesserie, tipo "compiacersi" di attirare le "over cinquanta", o commettere errori di stile, come mangiare "in diretta un piatto di sardine al limone", una vera "banalità".

Ma non solo. Mattia "ha confessato il vizietto di passare col rosso con il motorino", però, nota Merlo, "le sardine sono il contrario dell'Italia che passa col rosso, che è la stessa che salta le code e parcheggia in seconda fila". Le sardine sono "la necessità di una regola d'eleganza in un Paese che ha elevato a pedagogia il fregare il prossimo". E affonda: "L'Italia dei 'meglio furbi che virtuosi' è quella della prepotenza e non della solidarietà. Insomma non è l'Italia delle sardine".

Mattia "non si perde una trasmissione, da Piazza Pulita a Floris, da Daria Bignardi a Lilly Gruber, sta sempre lì a fare il marziano. Dico la verità: mi capita, quando lo vedo, di imbarazzarmi per lui. Anche perché sono sicuro che le altre tre sardine - Andrea Garreffa che è la testa, Roberto Morotti che è la coscienza, e Giulia Trappoloni che è il cuore - sanno bene", infierisce Merlo, "che il marziano, a furia di essere intervistato, finì ubriaco in via Veneto dietro ai paparazzi che non gli andavano più dietro". E occhio, così "rischiano di trasformare la bella faccia di Mattia, che giustamente hanno scelto a rappresentare tutte le loro belle facce pulite, in quella dell'ultimo allampanato dal successo. Il suo volto ingenuo e allegro si sta estenuando nel farsi ordinario, famoso perché non ci sarà niente di lui che si farà ricordare e perché la troppa televisione cambia i connotati di tutti, anche delle sardine".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcadabollo

    06 Dicembre 2019 - 14:32

    scusate, ma cosa volete che dica un ebete con la testa vuota? Ha trovato i pirla di italiani che lo invitano in TV per le ospitate e lo pagano pure! In un altro Paese non sarebbe nessuno. Qui in Italia, piu fai lo scemo e piu ti danno spazio e crediti ! Paese ormai in rovina grazie alla UE e pistola come questo !

    Report

    Rispondi

  • berobero66

    06 Dicembre 2019 - 11:12

    Come per tutti i pesci, la sardina Sartori ha abboccato. È tipico degli idioti, l'esca TV è troppo attraente e tira fuori cialtroneria, il nulla, l'approssimazione di una roba nata da impresentabili che ci hanno messo sopra il cappello! Saviano compreso. Ridicoli e pagliacci.

    Report

    Rispondi

Libia, Giuseppe Conte alla conferenza internazionale di Berlino: "Lavoriamo per il cessate il fuoco"

Matteo Salvini a Cattolica: "Chiederò alla Lega di votare sì al processo sulla Gregoretti"
Bettino Craxi, la cerimonia a Hammamet. La figlia: "Vergogna dal governo. Credo che Mattarella farà un gesto"
Nicola Zingaretti, l'appello: "L'Emilia-Romagna si salva se combattiamo tutti insieme"

media