Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sardine, tuffo al Papeete per Mattia Santori & Co prima delle elezioni: "Chi non vota resta spiaggiato"

Gabriele Galluccio
  • a
  • a
  • a

Neanche il divieto della Questura ha fatto desistere le Sardine dall'ultima provocazione a Matteo Salvini in vista delle elezioni in Emilia Romagna. "Chi non vota resta spiaggiato", è il messaggio che i quattro capi di Bologna - Mattia Santori, Andrea Garreffa, Roberto Morotti e Giulia Trappoloni - scrivono su Facebook a corredo di una foto che li ritrae intenti a tuffarsi in mare. Il movimento ittico non ha quindi rinunciato a lanciare la sfida dal Papeete, lo stabilimento di Milano Marittima nonché fortino della Lega che era stato scelto per un flash mob. Per approfondire leggi anche: Il leghista Morelli in mezzo alle Sardine Evento che è poi saltato per la mancata autorizzazione da parte della Questura, che si è espressa negativamente dato che le Sardine avrebbero violato il silenzio elettorale poiché equiparate a un partito. Ovviamente la decisione era stata indigesta per Santori e compagni, che pensavano davvero di poter fare i comodi loro non essendo formalmente un partito. Avevano parlato di "scelta molto strana", facendo finta di cadere dal pero, ma ormai la loro maschera è caduta da tempo. Piuttosto dovrebbero iniziare a preoccuparsi di cosa ne sarà delle Sardine dopo che avranno esaurito la loro utilità nel sostituirsi al Pd nella campagna elettorale in Emilia Romagna.

Dai blog