Cerca

politica

Mario Adinolfi si candida a Roma

Suppletive

Il fondatore e presidente del Popolo della Famiglia: "I cattolici non possono votare Gualtieri"

28 Gennaio 2020

0
Mario Adinolfi si candida a Roma
Il fondatore e presidente del Popolo della Famiglia: "I cattolici non possono votare Gualtieri"

Roma, 28 gen. (Adnkronos) - Il Popolo della Famiglia (PDF) si presenterà al voto di domenica 1 marzo per le suppletive a Roma. Sono state infatti presentate le firme per la candidatura a deputato del collegio Roma 1 di Mario Adinolfi, fondatore e presidente del Pdf. Il collegio era stato lasciato vacante da Paolo Gentiloni per la nomina a Commissario europeo all'Economia. “Il Popolo della Famiglia va avanti: 355 cittadini romani hanno sottoscritto la mia candidatura”, ha dichiarato Adinolfi.

“Abbiamo avuto la forza organizzativa per fare la raccolta in una sola settimana, siamo l’unica organizzazione cristianamente ispirata in grado di fare questo nel campo politico. Non ci è piaciuto il governo gialloverde, ancora meno ci è piaciuto il governo giallorosso, che candida nel collegio addirittura il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, quello che ha irriso la famiglia con uno stanziamento di venti volte inferiore a quello necessario e promesso".

"Se i cattolici hanno un minimo di spina dorsale e coerenza, non possono votare per lui. A chi, come noi - ha concluso Adinolfi - non ha gradito neanche le inesistenti politiche di bilancio a favore della famiglia del governo precedente, noi offriamo un’alternativa. L'1 marzo a Roma si potrà votare il Popolo della Famiglia, la piccola pietra di inciampo che resiste”.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Coronavirus, i medici dello Spallanzani: "Continuano a migliorare i due cinesi, italiani in ottime condizioni"

Hanau, le terribili immagini subito dopo la sparatoria: 11 morti in Germania
Jonis Bascir parla di Full Mony: un successo al Teatro Sistina
Giuseppe Conte contro i cronisti: "Non chiamatelo 'questo Renzi', è pur sempre un leader della maggioranza"

media