Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Renato Brunetta contro Conte: "Come Alice nel paese delle meraviglie di Casalino", perché è ancora premier

  • a
  • a
  • a

Un fondo duro, molto critico nei confronti di Giuseppe Conte, quello firmato da Augusto Minzolini su Il Giornale di oggi, martedì 19 maggio. Un pezzo in cui il giornalista prende posizione e afferma: "A ben guardare, quindi, la capacità che il Paese ha mostrato nel fronteggiare e reagire al Covid-19 è tutta sacco dei suoi cittadini, dei loro risparmi, della loro intelligenza, del loro istinto di sopravvivenza, della loro disciplina. Una capacità che ha messo in evidenza i limiti di un governo inutile". Parole pesantissime e tutte contro Conte, il quale dall'emergenza coronavirus, almeno ad ora, ne esce rafforzato. Miracolato. Tanto che il titolo del pezzo parla da solo: "Lo spot perfetto del governo inutile". E lo spot è quello che l'esecutivo targato Conte si è auto-confezionato in questi drammatici mesi di emergenza.

 

E nel collage di voci che come sempre Minzolini raccoglie per i suoi retroscena, ecco spiccare quella di Renato Brunetta, che azzarda un giudizio assai più severo: "Il governo non è inutile, è di più e peggio. Conte si muove solo in una realtà virtuale, mediatica, è come Alice nel Paese delle meraviglie di Casalino", commenta tranchant il big di Forza Italia. Insomma, anche Brunetta - spendendo parole molto dure nei confronti di Conte - dà credito alla teoria secondo la quale a comandare, più del premier, sia il suo portavoce ex Grande Fratello. E Minzolini chiosa: "Brunatta non ha torto. Il premier è rimasto in piedi solo grazie alla comunicazione. Dimostrando che non è un caso che sia espressione di una società del ramo come la Casaleggio associati. Per cui l'accusa del numero due del Pd, Andrea Orlando, che il governo è nel mirino di un complotto dei grandi gruppi editoriali è quasi paradossale se non comica", sottolinea Minzolini.

 

Dai blog