Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Bonus ai 5 deputati, il sospetto di Andrea Cangini: "Di Maio e l'Inps a 5 Stelle strumentalizzano la vicenda, scommettiamo che..."

La Camera

  • a
  • a
  • a

Tutti contro i cinque deputati che hanno chiesto all'Inps il bonus da 600 euro per le partite Iva. Tutti o quasi. Proprio così, controcorrente Andrea Cangini, il senatore di Foza Italia che in quattro e quatt'otto tuona: "Nell’attesa che la ghigliottina finisca d’essere montata in piazza Montecitorio, facciamo una cosa diversa: proviamo a ragionare. Chi è più colpevole, i cinque deputati che nel rispetto della legge hanno chiesto e ottenuto il bonus stanziato dal governo per le partite Iva in difficoltà o il governo che ha dato questa possibilità a tutti distribuendo soldi che non ha? I cinque deputati hanno compiuto un atto ignobile, ma individuale. Colpa politica e sperpero di risorse pubbliche sono in capo al governo. Vedo che invece di chiedere scusa, Di Maio e l’INPS a guida grillina strumentalizzano la vicenda per delegittimare il Parlamento in vista del referendum: scommettiamo che quando, spero presto, saranno pubblicati i nomi si scoprirà che i cinque hanno votato assieme al Movimento 5stelle a favore del taglio della rappresentanza parlamentare?" conclude. Intanto si vocifera che i cinque siano tre leghisti, un cinque stelle e uno di Italia Viva. Questo almeno quanto detto dalla piddina Alessia Morani.

Dai blog