Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Luca Palamara, l'ammissione su Matteo Salvini: "Sì, la Lega è nel mirino", pronti i plotoni d'esecuzione

  • a
  • a
  • a

Per tutta la settimana è andata avanti la campagna mediatica contro la Lega di Matteo Salvini, accusata di essere ‘ladrona’ a suon di inchieste ad orologeria che altro non sono che un’operazione di disturbo in vista delle elezioni regionali. In realtà la campagna anti-Carroccio è partita da lontano, a cominciare da quella storia dei furbetti del bonus Inps: guarda caso dopo che sono emersi i nomi dei leghisti, il caso si è improvvisamente sgonfiato e degli altri nessuno ne ha mai parlato. Luca Palamara sa bene cos’è la giustizia ad orologeria: lui assisteva alle campagne elettorali nella cabina di regia, oggi invece - scrive Il Giornale - è diventato un bersaglio inviso alle toghe più politicizzate dopo che le intercettazioni hanno svelato la zona grigia del rapporto tra politica e magistratura.

“Anche io sto provando l’esperienza di chi si aspetta di avere un giudizio imparziale e si accorge, invece, di essere solamente in balia di un plotone di esecuzione. Alla faccia dei tempi ragionevoli del processo: mi hanno fissato dodici udienze in quindici giorni perché vogliono arrivare al verdetto prima che Davigo vada in pensione”, è stato lo sfogo di Palamara. Il quale tra l’altro aveva svelato in un’intercettazione l’intenzione della magistratura di sinistra di colpire Salvini, che ultimamente è stato messo sotto torchio tra inchieste, arresti e il ritorno mediatico della vecchia indagine sulla Russia: “Se tutto questo è la riproposizione del vecchio gioco che ora ha nel mirino la Lega? Esatto”. Una risposta breve e coincisa, quella di Palamara, che però dice tutto. 

 

 

Dai blog