Cerca

SIGOT

Disidratarsi, fratture, solitudine,
assistenza: i 4 killer degli anziani

L’estate per i soggetti malati anziani rappresenta un periodo di maggiori rischi per la salute legato alle temperature estreme ma anche alla possibile alterazione della qualità dell’assistenza. Rischi che non occorre sottovalutare

25 Giugno 2019

0
Filippo Fimognari

Filippo Fimognari

Traumi, disidratazione e scarsa aderenza alle terapie farmacologiche: sono solo alcuni dei più comuni rischi a cui sono sottoposti gli anziani fragili durante l’estate. Dai dati dei mesi più caldi del 2015 è emerso che, a causa delle temperature estreme, si è registrato un eccesso di mortalità di anziani, provocando una leggera, ma comunque importante, flessione sull'aspettativa di vita dell’intero 2015. Dati che sono leggermente rientrati nel corso degli anni a seguire. Ma cosa ci aspetterà nel 2019 non ci è ancora dato di saperlo. Tuttavia ci sono dei rischi che non occorre sottovalutare. L’Italia è secondo al mondo per longevità soltanto al Giappone. Si contano, infatti, oltre 15mila persone sopra i 100 anni. All’inizio del 2019 gli italiani con più di 85 anni, invece, sono 2,2 milioni, il 3,6 per cento del totale della popolazione residente (15,6 per cento della popolazione di 65 anni e oltre). Siamo sempre di meno e sempre più vecchi.

"Mentre nei mesi invernali - sottolinea Filippo Fimognari, presidente Sigot, Società italiana di geriatria ospedale e territorio e direttore della Geriatria dell’ Azienda ospedaliera di Cosenza - notiamo che tra gli anziani prevalgono gli accessi in Ospedale per patologie infettive respiratorie acute (in parte legate all’epidemia influenzale stagionale), che poi possono a loro volta determinare scompensi “a cascata” di altri organi, nei mesi estivi vi è un aumento di ricoveri dovuti a disidratazione: la perdita di liquidi e di acqua può avere gravi ripercussioni sullo stato di salute degli anziani fragili”. In Italia calano le nascite, anche perché, complice l’assenza di un lavoro stabile, sono pochi i giovani che lasciano la famiglia di origine e decidono di sposarsi facendo figli. Aumentano i decessi ma non il numero delle vedove, superato dalle anziane coniugate grazie all’aumento di sopravvivenza degli uomini. Dal 2015 i residenti nel nostro Paese sono in diminuzione: 60,4 milioni al primo gennaio di quest’anno, oltre 400mila in meno rispetto al primo gennaio di quattro anni fa. Un 'declino demografico' che si spiega con un’evidente riduzione delle nascite (439 mila bambini iscritti all’anagrafe lo scorso anno, ben 140 mila in meno rispetto al 2008) a fronte di un aumento dei decessi (633 mila nel 2018, circa 50 mila in più di 11 anni fa).

Per i soggetti malati anziani sono due i principali ordini di rischi durante i mesi estivi. Il primo è legato al clima, alle temperature estreme. Il caldo e l'afa, infatti, possono essere pericolosi, anche mortali, per la salute degli anziani. Non è un caso che durante l'estate possa osservarsi un aumento della mortalità rispetto alle stagioni più miti, soprattutto tra i soggetti più fragili. Il secondo possibile rischio, invece, è strettamente legato alla possibile alterazione, durante i periodi di ferie, della qualità e dell’ intensità dell’ assistenza, di solito garantita da familiari, badanti e organizzazioni di assistenza domiciliare. Una diminuita sorveglianza e assistenza si traducono, per esempio, in un maggior rischio di cadute, ma anche in un diminuito controllo della corretta assunzione di farmaci, alimenti e liquidi, oppure infine in una ritardata identificazione di peggioramenti acuti di malattie. Le cadute, come già accennato, rappresentano una vera e propria sindrome geriatrica, perché l' "evento caduta" è sempre l’ effetto finale di una serie di modificazioni organiche che precedono di molto la caduta in sé. Occorre sempre la massima attenzione, quindi, nell’ identificazione precoce di questi segni di decadimento delle capacità funzionali.

"Le conseguenze più ricorrenti - spiega Amedeo Zurlo, direttore della Geriatria dell'Ospedale universitario di Ferrara - sono le fratture ossee, che costituiscono un problema spesso trascurato, sia in ambito clinico che in termini di percezione da parte dell’ opinione pubblica. Le più comuni, nonché in aumento a causa di polimorbidità e fragilità, sono quelle di femore: in Italia se ne contano più di 120 mila l'anno, l'80 per cento di queste a carico di ultra75enni. A distanza di 1 anno dalla frattura  questi incidenti possono determinare la morte nel 20-30 per cento dei casi, e una grave disabilità nel 40 per cento. A tal proposito noi geriatri proponiamo l'ortogeriatria, una metodologia che è in grado di  prendere in carico il paziente dal suo ingresso in Ospedale sino al recupero funzionale, attraverso un'attività di integrazione multidisciplinare del Geriatra con l'Ortopedico e con le altre figure specialistiche interessate, come Anestesista, Fisiatra, Fisioterapista e Infermiere".

L'Ospedale si conferma luogo di soccorso per tutti gli anziani, soprattutto d'estate. "I pazienti anziani - aggiunge Fimognari - hanno spesso quadri clinici acuti, gravi e complessi che possono essere curati al meglio solo in Ospedali moderni e ben attrezzati. Inoltre, gli anziani spesso cercano nel nostro personale e nelle nostre strutture conforto e sicurezza. Questo vale in tutti periodi dell'anno, ma è evidente che in una fase dell'anno in cui tutto chiude, o comunque va a rilento, l'ospedale, sempre aperto, diviene il punto di riferimento più immediato per la salute di tutti. Superato l’ evento acuto, d’ estate diventa ancora più difficile per l’ospedale dimettere anziani stabilizzati ma ancora bisognosi di cure a lungo termine. Questo a causa dell’insufficiente sviluppo, soprattutto nelle Regioni del Sud, dell’ assistenza ‘territoriale’, che d’estate mostra ancora di più i suoi limiti ricettivi".     

Un altro fenomeno che deve essere ricordato è quello della solitudine, che può interessare tutti gli anziani, indipendentemente dal loro stato di salute. Durante l’ estate, inoltre, l’ assistenza agli anziani non autosufficienti può essere compromessa da periodi di discontinuità o dalla rotazione di personale imposta dalle ferie. Da un lato, questo può peggiorare lo stato di salute e le condizioni psicologiche degli anziani malati e disabili. Dall’altro, possono osservarsi più frequentemente i cosiddetti 'ricoveri ospedalieri sociali' o di 'sollievo': in alcuni casi, infatti, la famiglia ritiene di non poter più sostenere l’ enorme carico assistenziale imposto dall' anziano disabile, e chiede - anche senza una vera ragione medica - l'intervento del Sistema Sanitario Nazionale e, quindi, del Pronto Soccorso. (ANNA CAPASSO)

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media