Cerca

Fate molta attenzione

Dormire con la televisione accesa sballa il metabolismo, le gravi conseguenze per la salute

19 Luglio 2019

0
Dormire con la televisione accesa sballa il metabolismo, le gravi conseguenze per la salute

Siete di quelli che dormono con il televisore acceso? Che non possono fare a meno di sentire lo speaker del Tg annunciare, tra le ultime notizie, l' ennesimo battibecco nel governo?

Ebbene, sappiate che, tutto questo, potrebbe influire sul vostro peso. E non solo per la gastrite che provocano certe decisioni di chi ci comanda (indipendentemente da chi sia). No, è proprio la scienza a dirci che andrà quasi sicuramente così.
Secondo gli scienziati del National Institutes of Health, infatti, dormire con un televisore o una luce nella stanza può essere un fattore di rischio per ingrassare o sviluppare obesità. In particolare, se siete donne. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Jama Internal Medicine e dimostra che lasciare una luce artificiale non spenta, di notte, dove dormite, comporta una probabilità maggiore di diventare obese. In pratica, se volete mantenere la linea, dove oscurare al massimo la vostra stanza da letto.

L'esperimento è stato fatto su 43.722 donzelle, tra i 35 e 74 anni, senza precedenti di malattie legate al cancro e cardiovascolari. Nessuna faceva turni o era incinta. Cosa è emerso?

Che dipendeva tutto dalla quantità di luce irradiata. In pratica, l' uso di una piccola luce notturna non era associato con l' aumento di peso, mentre le donne che dormivano con una luce più grande o una televisione accesa avevano il 17% in più di probabilità di guadagnare anche cinque chili. Per dire, la luce dall' esterno influisce ma non come una artificiale all' interno della stanza. Se poi vogliamo guardare ai numeri, si scopre che ben 17.000 sono solite dormire con una lucina notturna nella stanza (avete presente quella della sveglia o anche solo il puntino rosso del televisore?). Oltre 13.000, invece, sono quelle che lasciano ogni notte una luce accesa all' esterno della camera, soprattutto per questione di sicurezza. Quelle, invece, che dormono con televisore o pc accesi sono circa 5.000, mica noccioline.

Uno studio che è durato sei anni, durante il quale si è dimostrato, dati, pardon, chili alla mano, che è del 33% la probabilità di essere obese rispetto a chi dorme nel buio più totale. «Gli esseri umani sono geneticamente predisposti per un ambiente naturale costituito dalla luce solare durante il giorno e dall' oscurità notturna», ha spiegato il co-autore Chandra Jackson. «L' esposizione alla luce artificiale di notte può alterare gli ormoni e altri processi biologici in modi che inficino le condizioni di salute; come l' obesità». L' autore principale, invece, Yong-Moon Park ha spiegato che: «La dieta ipercalorica malsana e i comportamenti sedentari sono stati i fattori più comunemente citati per spiegare il continuo aumento dell' obesità. Questo studio evidenzia l' importanza della luce artificiale di notte e offre alle donne che sono solite dormire con le luci o la televisione, un modo efficace per migliorare la loro salute».

Quindi, care signore, se siete costrette a dividere il letto con un marito o un compagno che si mette a leggere i fumetti fino a tardi, lasciando accesa la lucina; che "scrolla" il telefonino per guardare gli ultimi fondamentali aggiornamenti dei suoi amici su Facebook e Instagram; che guarda la tv in camera «ma con le cuffie, amore, così non ti disturbo», sappiate che il fetente è più devastante di un menù in un fast food divorato alle due notte. O gli tagliate i fili della luce, o gli tagliate qualcosa d' altro: la conseguenza è che se non intervenite per tempo, la bilancia vi condannerà. E non dite che non vi avevamo avvisate.

di Viviana Persiani

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Luigi Di Maio lascia la riunione dei gruppi M5s senza fare dichiarazioni. Bocche cucite tra i grillini

Simone Gautier, l'escursionista francese morto nel Cilento. Le operazioni di recupero della salma
Matteo Salvini bombarda Pd e M5s: "Il primo CdM devono farlo a Bibbiano"
Matteo Salvini: "Conte è ancora il mio premier". Dietrofront in arrivo?

media