Cerca

Alimentazione

Dieta vegana, ecco i risultati dopo quattro mesi: ecco che cosa torna e che cosa preoccupa

19 Settembre 2019

0
Verdure

La dieta vegana ha i suoi vantaggi. Come riportato da Repubblica, secondo uno studio condotto da un gruppo di studiosi guidati da Hana Kahleova del Physicians Commitee for Responsible Medicine di Washington e presentato al congresso annuale dell'Associazione Europea per lo Studio del Diabete, quattro mesi senza carne e derivati dal regno animale possono favorire, oltre la forma fisica, anche il controllo della glicemia grazie all'azione sul macrobiota intestinale, ovvero, l'insieme di miliardi di batteri presenti nel nostro intestino che favoriscono la digestione e l'assimilazione dei nutrienti.

Leggi anche: Dieta, lo studio che aiuta a eliminare la pancetta: ecco come attivare i neuroni della sazietà

La ricerca è stata fatta su 147 campioni non diabetici, ma in sovrappeso, in gran parte donne di un'età compresa tra i 45 e i 65 anni, i quali sono stati divisi in due gruppi: a un gruppo è stato chiesto di seguire un'alimentazione vegana a basso contenuto di grassi; all'altro, invece, è stato chiesto di continuare con le proprie abitudini alimentari. Il risultato? I partecipanti del gruppo vegano mostravano un'evidente riduzione del peso corporeo iniziale con una media di 5,9 chili in meno, una maggiore sensibilità insulinica e la variazione nella composizione del macrobiota intestinale con un aumento del 4,8% di Faecalibacterium prausnitzii e di Bacteroides fragilis (specie batteriche vitali per la salute dell'intestino).

Gli esperti, però, restano con i piedi per terra, anche perché c'è da capire quanto questi benefici siano dovuti alla dieta vegana e quanto al ridotto apporto di calorie, poiché le specie di batteri che risultano aumentate sono quelle che si nutrono di fibre. Per questo, verrà svolta un'ulteriore ricerca nel 2020 riguardo all'efficacia della classica dieta equilibrata e ricca di fibre su un gruppo di pazienti con diabete di tipo 2. Ad ogni modo, la raccomandazione degli esperti per un macrobioma intestinale sano è quella di una dieta ricca di fibre non necessariamente priva di carne

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media