Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, Ilaria Capua: "Sciame virale attraversa la terra. Covid come il morbillo, aspettiamoci sorprese"

  • a
  • a
  • a

Uno "sciame virale attraversa la terra". In un intervento su Corriere della Sera, la virologa Ilaria Capua torna a parlare del coronavirus e mette in guardia gli italiani: "la storia si ripete" e la nuova epidemia passata dalla Cina all'Europa ricorda da vicino quelle del passato, dalla Sars ad Ebola fino alla pandemia influenzale del 2009 H1N1  (la famigerata influenza suina"), Ma il precedente più interessante, spiega l'esperta, è forse quello del morbillo, derivato dal virus della peste bovina,


Quel virus comparso all'improvviso "si è spostato a piedi, passo dopo passo con gli uomini infetti di allora, e circola nella popolazione umana da millenni", e il Covid-19 "è stato generato dal punto di vista biologico da un fenomeno rarissimo" e "sostanzialmente non diverso" da quello del morbillo. La differenza è data dalla globalizzazione e dalla facilità di trasporti che ha reso il coronavirus "pandemico nel giro di qualche mese.". È proprio "la velocità della diffusione e del contagio" il vero salto di qualità, perché comporta "alcune sorprese che bisognerà gestire e che non siamo in grado di prevedere". Tra queste, l'estendersi dei soggetti a rischio: lo studio comparato con le altre forme di virus delle vie respiratorie suggerisce "che alcuni ceppi virali potrebbero in futuro causare forme enteriche nei neonati e nei giovani".. "Non mi sorprenderebbe - conclude la Capua - se il virus fra qualche tempo si mostrasse in grado di infettare animali domestici o selvatici". Stiamo assistendo, insomma. a "un fenomeno epocale", una diffusione globale "che diventa un’onda inarrestabile" che "ci terrà compagnia almeno per qualche altro mese".

 

Dai blog