Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, l'allarme dell'esperta: "Perché le lenti a contatto sono un pericolo"

  • a
  • a
  • a

Il coronavirus passa anche dagli occhi, questo ormai è risaputo e così Elena Pacella lancia il suo appello. La responsabile del pronto soccorso oftalmico dell'azienda universitaria Policlinico Umberto I mette infatti in guardia sull'uso delle lenti a contatto. Non solo perché "gli occhiali coprono fisicamente gli occhi dalle goccioline che arrivano dagli starnuti, anche a distanza di 4 metri, o dai colpi di tosse", ma anche perché le lenti possono covare sporcizia. "Consiglio - prosegue l'esperta sul Messaggero -, in questo momento, le lentine monouso. Quelle che una volta tolte vanno gettate via. Si tratta di prevenire eventuali problemi: le lentine sono fatte di materiale poroso quindi assorbono tutto ciò che può arrivare sulla superficie oculare. Il virus potrebbe restare lì, quindi la custodia potrebbe infettarsi”. 

 

Il messaggio è rivolto in particolare a chi presenta l'occhio secco: "Si tratta di pazienti più esposti perché hanno patologie immunodepresse - specifica la Pacella -. In questo caso si possono usare le lacrime artificiali, ci sono anche in spray quindi non devono neanche toccare l'occhio. Ma il problema riguarda anche chi lavora al computer”. Questi ultimi, toccando spesso la tastiera, possono poi toccarsi gli occhi senza prima lavarsi le mani, per questo "meglio usare i lubrificanti oculari, per allontanare l'eventuale elemento ed espellerlo".

 

 

Dai blog