Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ferrari, Lewis Hamilton poteva arrivare a Maranello. Ma il team ha blindato Sebastian Vettel

Davide Locano
  • a
  • a
  • a

La Ferrari ha deciso di sostituire Raikkonen dalla prossima stagione, al suo posto ci sarà Leclerc a far coppia con Vettel. Analizzando la stagione in corso, però, viene da pensare che, forse, a Maranello avrebbero dovuto prendere in considerazione l'idea di appiedare il tedesco. Dopotutto, per vincere un Mondiale di F1 non serve solo una grande monoposto e un grande box, ma anche un grande pilota. E Vettel, almeno quest'anno, non lo è stato. Il confronto con Hamilton è chiaro. Il britannico, con una Mercedes inferiore, ha vinto 7 gare contro le 5 del tedesco. E, soprattutto, non ha mai commesso errori. Cosa che non si può dire di Sebastian. Il weekend sottotono a Singapore (terzo) rappresenta solo l'ultima delle gare sbagliate: l'errore sul bagnato di Hockenheim è il più grossolano, ma le imprecisioni di Baku e Monza sono altrettanto importanti. Tutte gare in cui Seb era davanti al rivale. Tutte gare in cui la Rossa era favorita. Tutte gare in cui ha vinto Hamilton. Leggi anche: Vettel-Leclerc, in Ferrari la tensione è già alle stelle Sia chiaro, il tedesco è un super pilota, 4 volte iridato. Ma se corri per la Ferrari devi vincere o hai fallito. È perciò discutibile che Seb non sia mai stato in bilico, nonostante sul mercato ci fossero piloti come Ricciardo o proprio Hamilton, che non avrebbero potuto rinunciare ad una sfida come quella di riportare al successo il Cavallino. Speriamo che in Ferrari «sappiano cosa stanno facendo». di Federico Strumolo

Dai blog