Cerca

Sostenibilita

Sacchetti riciclabili e biodegradabili, sanzioni posticipate di 60 giorni

Testo approvato oggi dal Senato

AssoEcoPlast chiede un tavolo con i ministeri dello Sviluppo Economico e dell'Ambiente

6 Dicembre 2012

0
Sacchetti riciclabili e biodegradabili, sanzioni posticipate di 60 giorni
AssoEcoPlast chiede un tavolo con i ministeri dello Sviluppo Economico e dell'Ambiente

Roma, 6 dic. - (Adnkronos) - Il testo approvato oggi dal Senato, "che stabilisce l'applicazione delle sanzioni a partire dai 60 giorni successivi all'emanazione del decreto ministeriale che valuterà ulteriori caratteristiche tecniche per i sacchi ammessi in commercio, rappresenta una vittoria di AssoEcoPlast". Lo dichiara Claudio Maestrini, presidente di AssoEcoPlast, associazione che riunisce i produttori di sacchi da asporto merci riciclabili e resi biodegradabili mediante additivi verdi.

AssoEcoPlast ora chiede "che i ministeri dello Sviluppo Economico e dell'Ambiente convochino rapidamente un tavolo a cui possano partecipare non solo i rappresentanti dell'industria della plastica compostabile, ma tutti gli altri soggetti coinvolti", aggiunge Maestrini aggiungendo che il ministero dell'Ambiente "ha sempre dimostrato una caparbia ostinazione nel volere imporre la plastica compostabile a tutti i costi anche a quello della chiusura delle molte aziende che producono plastica riciclabile e biodegradabile, adesso ci dovrebbe spiegare come mai si preoccupa tanto per le sanzioni che la Comunità Europea vuole imporci per la chiusura dell'Ilva di Taranto, mentre non sembra curarsi di quelle che pendono sul capo dei contribuenti italiani per la messa al bando dei sacchetti in plastica, come scritto dalla Commissione Europea nella sua lettera al Governo del 26 ottobre scorso".

Nella nota AssoEcoPlast ribadisce che i sacchetti riciclabili e biodegradabili non sono inquinanti nè nocivi per la salute. Le aziende che li producono, inoltre, non solo hanno un tasso di infortuni sul lavoro praticamente pari a zero, ma soprattutto impiegano circa 5000 lavoratori in tutto il territorio nazionale.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media