Cerca

Sostenibilita

I rifiuti urbani crescono più del Pil, l'Italia recupera solo il 33% dei materiali

A tracciare il quadro è il Rapporto 'Green economy per uscire dalle due crisi', realizzato dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e dall'Enea

Dove più spinta è la raccolta differenziata è minore il costo di smaltimento

14 Dicembre 2012

0
I rifiuti urbani crescono più del Pil, l'Italia recupera solo il 33% dei materiali
Dove più spinta è la raccolta differenziata è minore il costo di smaltimento

Roma, 14 dic. (Adnkronos) - La produzione di rifiuti urbani in Italia cresce più del Pil e dei consumi. Il metodo di smaltimento preferito è la discarica circa il 49%, ma ci sono 10 regioni, dalla Liguria alla Sicilia, che mandano in discarica più del 60% dei rifiuti urbani. Ci sono invece in Europa sei paesi a discarica zero o quasi zero che hanno tassi di riciclo pari al 60%. A tracciare il quadro è il Rapporto 'Green economy per uscire dalle due crisi', realizzato dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e dall'Enea.

L'Italia ha un recupero di materiali del solo 33%, dato questo che indica che c'è un grande spazio per la green economy. Nelle regioni italiane dove più spinta è la raccolta differenziata è minore il costo di smaltimento dei rifiuti: in Lombardia con il 47% di raccolta differenziata si è speso 24,65 centesimi di euro per gestire un chilogrammo di rifiuti, in Veneto con il 56,2% di Rd 25,88 centesimi; nel Lazio invece con il 17,8% di Rd 31,84 centesimi e in Sicilia con il 7,1% di Rd 29,83 centesimi al chilogrammo. Gli occupati totali nella gestione dei rifiuti in Italia sono circa 120.000.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Giorgia Meloni al Quirinale: "Lega di nuovo con M5s? Sarebbe incomprensibile"

Pietro Grasso a sostegno del governicchio: "M5s-Pd trovino coraggio per fare un governo di legislatura"
Pietro Senaldi va in controtendenza: "Perché Matteo Salvini si è salvato". Il suo nuovo punto di forza
Buffagni (M5s): "Non mi fido di nessuno specialmente di Renzi, ma contano gli interessi degli italiani"

media