Cerca

Confronti

Che tempo che fa, Fabio Fazio stracciato da Barbara D'Urso: la domenica sera da incubo di Rai 2

15 Ottobre 2019

0
Barbara D'Urso, Fabio Fazio

Che tempaccio che fa per Fabio Fazio. Non è una nuvoletta fantozziana, ma una bufera, anzi un' alluvione che lo sta facendo sprofondare. Il suo programma Che tempo che fa, con il seguito Che tempo che fa - Il Tavolo, su RaiDue è in caduta libera, capace di perdere un punto percentuale in sole due settimane, passando dalla media dell' 8,35% della prima puntata, al 7,65 della seconda fino al 7,4% di due sere fa (7,6 la prima parte, 7,2 la seconda).

Il dramma ulteriore è che, oltre al crollo dello share, il programma perde spettatori in senso assoluto (ieri la prima parte era sotto il milione e 800mila) e si piazza fuori dal podio, in quarta posizione, dietro la fiction Imma Tataranni su RaiUno (ancora un boom con il 22,9%), un' esplosiva Barbara d' Urso col suo Live - Non è la d' Urso su Canale 5 alla migliore performance stagionale con il 13,9%, e perfino dietro il film su Italia 1 Fast & Furious 8 che tocca l' 8,7%. Fazio is Furious potrebbe essere il titolo azzeccato della nuova puntata del programma...

FLOP E TOP
Per capire il flop di Che tempo che fa e l' exploit della d' Urso, in grado di doppiarlo, bisogna tenere conto, in primo luogo, del rispettivo parterre di ospiti. Wonder Barbara (come si è autodefinita ironicamente in uno spot) può piacere o non piacere, ma sa come essere pop, invitando ad esempio Asia Argento a parlare del tema stracult dello sfratto di Morgan, o Alba Parietti a battibeccare con Francesca De André, e ancora raccontando la storia di una ex suora diventata pornostar.

Fazio aveva nell' ordine in studio (fate una prece e recitate amen): David Sassoli, presidente del Parlamento europeo (lo guardi, e ti viene la tentazione di cambiare canale; lo senti e cambi canale); il grigio John Turturro a presentare il film su Jesus Quintana (chi?, si chiedeva lo spettatore) e a non capire mezza battuta di Fazio; Roberto Saviano a parlare di una vicenda seria, per carità, la morte della giornalista maltese Daphne Caruana Galizia, ma non certo in grado di risollevare gli ascolti e il morale, il tutto intervallato dall' intervento del comico Alessandro Siani, che a stento faceva ridere se stesso.

Evidentemente c' è un problema legato al format e a chi lo conduce. Non è più questione di canale, se cioè Che tempo che fa andrà in onda su RaiUno, RaiDue o RaiTre, perché sono il programma stesso e Fazio a suonare bolsi, stanchi, con quell' aria respingente di déjà-vu. Ma a ciò, nella fattispecie in questo inizio di stagione, si aggiungono altri due fattori. Il primo è l' elemento donna. L' impressione, a guardare la programmazione, è che la Domenica sia Femmina, il giorno della Signora, e le donne la facciano da padrone per tutta la giornata.

DONNE AL POTERE
Nel pomeriggio impazzano la Venier e la d' Urso (ieri rispettivamente al 18,8% e al 16,3% con Domenica In e Domenica Live); a sera, infuria il ciclone Tataranni e il turbine d' Urso (con uno studio stracolmo di donne). I maschietti guardano a distanza.

Il secondo elemento è il fattore Leggerezza, il pop che trionfa sullo snob, o il "barbarismo" (nel senso dello stile Barbara d' Urso) che vince sulla "faziosità" (leggi stile di Fazio). Alla domenica sera i telespettatori hanno bisogno di distendersi, se possibile di sorridere e di far arieggiare il cervello, e non di impegnarsi, di intristirsi o di sentirsi i predicozzi moraleggianti di un Saviano o di un Gino Strada. Orsù, la domenica anche il Signore si riposò. E, come diceva Aldo Palazzeschi, lasciatemi divertire.

di Gianluca Veneziani

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Matteo Salvini a Cattolica: "Chiederò alla Lega di votare sì al processo sulla Gregoretti"

Nicola Zingaretti, l'appello: "L'Emilia-Romagna si salva se combattiamo tutti insieme"
"Prima l'Italiano". Scopritelo su Camera con Vista 2020, inizio di anno movimentato per la politica italiana
Diego Fusaro e Antonio Socci contestati a Siena da Sardine e Pd: "Via i turbo fascisti", eccoli a testa in giù

media