Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Junior Cally torchiato a Verissimo da Silvia Toffanin dopo Sanremo: “Questo è il linguaggio del rap”

Marco Rossi
  • a
  • a
  • a

Junior Cally, il rapper finito nell'occhio del ciclone prima della partecipazione al Festival di Sanremo per alcuni versi del suo brano Strega, è stato ospite a Verissimo dove Silvia Toffanin lo ha "torchiato". Nella fattispecie la conduttrice ha posto diverse domande e dubbi sui versi incriminati, mettendo il cantante sulla difensiva. Cally ha ribadito a più riprese di non credere di doversi scusare con qualcuno  e di credere che i testi delle canzoni, a volte, siano “fiction” e non da prendere letteralmente. Per approfondire leggi anche: Sanremo 2020, Junior Cally travolto da Jo Squillo “Il linguaggio del rap è un linguaggio che andrebbe capito perché domina le classifiche quanto i brani pop”, esordisce Cally che aggiunge: “Ci chiedono di limitarci, ma è sottile il confine tra libertà e censura. Allora anche un film come Arancia Meccanica di Kubrick oppure se si estrapolano due righe da un libro…”. “Però io sono andata a leggere quei versi e sono forti”, si inserisce Silvia Toffanin, riferendosi al brano Strega, quello che ha provocato tante discussioni a Sanremo. “Esiste quello spaccato di società, e quel tipo di ragazza. Comunque la canzone parla poi di molti altri temi sociali”, replica il rapper. “Però sono forti, non voglio farti la morale, ma…”, incalza la Toffanin. Junior: “Eminem fu invitato a Sanremo e disse cose molto più forti… è il linguaggio del rap”.

Dai blog